Accuse di violenza sessuale Il legale delle star per CR7

Cristiano Ronaldo, 33 anni. Afp

Cristiano Ronaldo, 33 anni. Afp

‘); }

Cristiano Ronaldo ha scelto l’avvocato delle star, uno dei più famosi degli Stati Uniti, per difendersi dalle accuse di violenza sessuale. Il fuoriclasse portoghese della Juventus si è rivolto a David Chesnoff, penalista di Las Vegas che in carriera ha difeso, tra gli altri, Paris Hilton, Mike Tyson, Shaquille O’Neal, André Agassi, Leonardo DiCaprio, Bruno Mars e che ha curato gli interessi della famiglia di Michael Jackson. Ronaldo ha deciso di contattare uno dei migliori legali d’America dopo che, la settimana scorsa, il settimanale tedesco Spiegel aveva riportato la testimonianza di Kathryn Mayorga, la modella che accusa CR7 di averla stuprata nel 2009 in un hotel di Las Vegas (dove il calciatore era in vacanza prima del passaggio dal Manchester United al Real Madrid) e che ha rivelato di avere accettato 375mila dollari come accordo extra-giudiziario che le imponeva il divieto di parlare pubblicamente di quanto accaduto. Nelle scorse settimane però la modella, con il sostegno del movimento #MeToo (che denuncia le presunte aggressioni sessuali commesse da uomini potenti) ha chiesto e ottenuto la riapertura del caso. Il nuovo avvocato di Mayorga, Leslie Stovall, sta cercando di ottenere la cancellazione del precedente accordo in quanto la sua assistita non sarebbe stata nelle condizioni psicologiche per firmarlo.

La difesa di cr7 — Ronaldo ha definito la ricostruzione “fake news” durante un videomessaggio sui suoi canali di social network e ieri ha pubblicato due messaggi su Twitter negando le accuse: “Lo stupro è un reato abominevole e va contro tutto ciò che sono e in cui credo”. E ancora: “Ho la coscienza pulita e aspetterò con serenità i risultati di qualsiasi indagine”.


Lineker contro la Juve — Anche la Juventus lo ha difeso pubblicamente con un breve comunicato, sempre sui social: “Ronaldo ha dimostrato in questi mesi grande professionalità e serietà, apprezzata da tutti alla Juventus. Le vicende risalenti a dieci anni fa non modificano questa opinione, condivisa da chiunque sia entrato in contatto con questo grande campione”. Una presa di posizione che ha ricevuto pesanti critiche da Gary Lineker. L’ex attaccante della nazionale inglese ha definito “terribili” i tweet della Juve, “indipendentemente da come finiranno le indagini”.

Borsa e sponsor — Intanto però il titolo della Juve negli ultimi giorni è passato da una quotazione di 1,45 euro di martedì a 1,19 di oggi. E la vicenda ha allarmato anche gli sponsor che ricoprono d’oro il campione portoghese: ieri la Nike ha fatto sapere di essere “seriamente preoccupata per le accuse infamanti” rivolte a CR7. Anche EA Sports, l’azienda che produce il videogioco Fifa 19, sulla cui copertina c’è proprio il volto del campione portoghese, ha rilasciato una nota: “Abbiamo visto il rapporto relativo alle accuse nei suoi confronti. Monitoriamo la situazione con attenzione, perché ci aspettiamo che i nostri atleti di copertina e ambasciatori mantengano sempre una condotta in linea con i valori di EA Sports”. Domani il giocatore sarà in campo a Udine. Allegri lo ha visto “sereno”, nonostante le accuse provenienti dagli Usa.

 Gasport 

© riproduzione riservata