Adjapong-Matri, Spal k.o. Sassuolo terzo in classifica

Il Sassuolo vince a Ferrara ed è terzo in classifica. La squadra di De Zerbi conquista un importantissimo successo concretizzando nella ripresa una superiorità tecnica evidente, anche se la Spal ha giocato a lungo alla pari ed è pure andata molto vicina al vantaggio sia nel primo tempo (Felipe non è riuscito a segnare da due passi) sia nel secondo (rete annullata a Simic per fuorigioco). Entrambe le squadre hanno dato buone risposte agli allenatori, ma alla fine è emersa la maggior qualità del Sassuolo.

‘); }

primo tempo — De Zerbi fa ampio uso del turnover anche per le non buone condizioni di Berardi e Boateng, che si accomodano in panchina insieme a Lirola e Di Francesco. Il tecnico sceglie il 3-4-2-1 con Djuricic e Boga alle spalle di Babacar. Come al solito, il Sassuolo applica un gioco fatto di movimenti continui, cambi di posizione e attacchi improvvisi alla porta. La Spal, invece, propone il classico 3-5-2 con un’attenta chiusura centrale e il tentativo di colpire per vie laterali. A destra Lazzari è più incisivo di quanto appaia Fares a sinistra, le punte Petagna e Antenucci però non vengono mai innescate anche perché i tre difensori di De Zerbi funzionano bene e pure a centrocampo il Sassuolo controlla abbastanza agevolmente la situazione. Se la partita resta nelle mani dei neroverdi, l’occasione più grande capita però alla Spal sugli sviluppi di un corner: al 19′ Simic fa da torre per Felipe che da due metri centra Consigli, il cui riflesso comunque è quasi prodigioso. Il Sassuolo replica con un paio di conclusioni larghe di Babacar e con un tiro del guizzante Boga che costringe Gomis al tuffo.


secondo tempo — Dopo l’intervallo il Sassuolo sembra sonnolento mentre la Spal alza il ritmo. Al 7′, su azione d’angolo, viene annullato un gol a Simic per fuorigioco attivo di Petagna. Il Sassuolo si risveglia e trova il vantaggio al 14′ con una splendida combinazione Boga-Babacar: l’attaccante tira, Gomis respinge, Felipe per rinviare colpisce Adjapong che segna. Da quel momento il Sassuolo fa emergere la superiorità tecnica nella gestione del pallone e nelle ripartenze. Babacar spreca qualche buona occasione, poi al 36′ gli viene annullata una rete per fuorigioco di Lirola. Al 42′ entra Matri che in tre minuti colpisce il palo dopo un’azione personale e poi segna sfruttando un assist di Djuricic innescato da un errore di Simic. Lo stesso Djuricic spreca il tris sbagliando il cucchiaio sull’uscita di Gomis, ma la partita ormai era già chiusa.

Dal nostro inviato a Ferrara G.B. Olivero 

© riproduzione riservata