Allegri: “Testa solo al Milan Con Chiellini e Lichtsteiner Berna scansa l’operazione”

Massimiliano Allegri, 50 anni. Getty

Massimiliano Allegri, 50 anni. Getty

‘); }

“Tra una settimana saranno tutti in gruppo”. Max Allegri sorride quando pensa all’infermeria svuotata e l’intera rosa a disposizione per un finale di stagione tutto da giocare. “Cuadrado domani sarà in panchina, Chiellini gioca, Bernardeschi sta meglio e ha scansato l’operazione al ginocchio”. Nessun turnover in campionato perché “lo scudetto rimane il primo obiettivo. Contro il Real non giochiamo per partecipare ma dobbiamo essere realisti e ambiziosi. Chi dovevamo aspettarci ai quarti di Champions, la Canovese? Perché una volta dissi Colle Salvetti e mi chiamò il sindaco…”.

ciao mondo — “Il mio primo pensiero è rivolto alle famiglie delle due vittime del porto di Livorno, il secondo a Emiliano Mondonico, uomo che ha dato un esempio, ha vissuto calcio con passione e semplicità”.


“NAPOLI FUORI DA TUTTO” — “La partita più importante è quella di domani, col Real chi ci sarà giocherà, chi non ci sarà non giocherà. Domani rischiamo di giocare a -1 da un Napoli che ha un solo obiettivo, è fuori da tutto, credo che sia un anno troppo importante per loro. L’anno prossimo sanno che vincere il campionato sarà difficile, cercheranno di battere ferro e giocarsi le loro chances. Dobbiamo pensare alle due sconfitte dopo le precedenti soste contro Samp e Lazio. Siamo ancora arrabbiati per i 2 punti lasciati a Ferrara, ci siamo giocati un bonus. Il Milan ha vinto 8 partite delle ultime 10, le ultime 5 di fila, sarà equilibrata come sempre. Il Real? Ci pensiamo da lunedì. Giochiamo contro la squadra più forte del mondo, abbiamo l’ambizione di batterli”.

cuadrado c’È — “Cuadrado domani verrà in panchina. Pian piano stiamo recuperiamo tutti, domani c’è il Milan e poi 7 partite fino al Napoli. È un momento da affrontare con entusiasmo, lavoriamo per arrivare fino in fondo in tutte e tre le competizioni. Se ci dovesse andare male, ma credo di no, giocheremo tre partite in meno. Da quando sono sulla panchina della Juve sarebbero 224 su 232 totali, non sono numeri da buttare”.

BERNA VEDE IL CAMPO — “La prossima settimana Federico dovrebbe rientrare con la squadra, ha scansato l’operazione, una notizia importante per lui e per la squadra. Domani gioca quasi sicuramente Lichtsteiner a destra. Se gioco col centrocampo a due o tre? Dipende da chi gioca davanti. Bentancur? E’ un giovane bravo, per me vale gli altri centrocampisti in rosa”. DYBALA IN RUSSIA — “Paulo a Madrid? Spero che almeno Simeone gli abbia offerto il pranzo… Sono cose che capitano, la cosa importante è che Dybala faccia un gran finale di stagione, per la Juve e il Mondiale. Credo che ci andrà. Gonzalo? Quando perdi 6-1 non sei contento, ha smaltito la botta in nazionale, è a posto. Mandzukic sta bene, ora non abbiamo più tempo per sbagliare in campionato”.

bonucci — “Per lui sarà una serata speciale. Ha dato molto a Juve e viceversa, ha fatto una scelta che non mi aspettavo, ma avrà avuto le sue motivazioni. E’ sempre nel cuore tifosi juventini, legatissimo a Buffon, Barzagli e Chiellini. Quando è andato via si parlava di una difesa indebolita, ma sono cresciuti molto Benatia e Rugani. Rancore? Non c’è assolutamente da parte mia, a Oporto è stato fuori per il bene suo e della squadra.

gattuso al top — “È arrivato al Milan tra la diffidenza generale e ha conquistato l’ambiente con il suo carattere. Sulla panchina del Milan vinsi a Torino proprio grazie a un suo gol, una ciabattata, ci mise mani Buffon ma non troppo bene, fu una vittoria importante per lo scudetto”.

FUTURO IN BIANCONERO — “Ho un contratto fino al 2020, sto bene e la mia idea è quella di rimanere qui”.

 Alberto Mauro 

© riproduzione riservata