Australia, Hamilton spaziale Pole davanti alle Ferrari Raikkonen 2°, Vettel è 3°

Il Top Gun a Melbourne è Lewis Hamilton: l’esibizione di un F-18 nei cieli dell’Albert Park fa da prologo alla prima pole stagionale dell’inglese della Mercedes. Con il tempo di 1’21”164, inferiore alla pole dell’anno scorso (1’22”188), il campione del mondo strabilia nel giro decisivo: il secondo, Raikkonen, più veloce del compagno come nelle Libere1 e Libere2, è a 0”664: impressionante. In seconda fila Vettel (+0”674) e Verstappen (+0”715): la lotta per la vittoria riguarda sulla carta questi quattro, ma ha nell’inglese il favorito d’obbligo, anche se la Ferrari è apparsa in crescita rispetto alle libere. Ricciardo è 5° ma perderà 3 posti in griglia vantaggio di Magnussen, Grosjean, autore di un sorpasso dubbio in pit lane a Sainz, e Hulkenberg. Chiudono i dieci Sainz e Bottas.

‘); }

BRIVIDO BOTTAS — Dopo la pioggia del mattino qualifiche asciutte, ma con la pista non tanto gommata e infida. Ne sa qualcosa Bottas che in Q3 va oltre il cordolo alla prima esse e viene tradito dall’erba sintetica esterna, presumibilmente umida: la Mercedes sbanda, va per la tangente e picchia sull’esterno delle barriere. Bandiera rossa e disappunto di Wolff ai box: non ha picchiato i pugni sul tavolo come in gara l’anno scorso però la smorfia di disgusto era eloquente.


le q2 — In Q2 acuto di Vettel: il tedesco è il primo nel week end a scendere sotto l’1’22” e con il tempo di 1’21”944 precede Hamilton (1’22”051), Bottas (1’22”089), Verstappen (1’22”416) e Raikkonen (1’22”507). Eliminate le McLaren di Alonso (11°) e Vandoorne oltre alle Force India di Perez (13°) e Ocon 15°) e la Williams di Stroll.

così la Q1 — Escono nella prima fase Hartley e le Alfa Romeo Sauber di Ericsson e Leclerc – non male, alla prima qualifica in F.1 cede solo 80/1000 al suo più navigato compagno – che però si lasciano alle spalle la Williams di Sirotkin, deludente, e la Toro Rosso di Gasly. Mattatore Hamilton in 1’22”824 davanti a Raikkonen (1’23”096), Vettel (1’23”348) e Verstappen (1’23”483).

LIBERE 3 BAGNATE — Nelle Libere3, iniziate sul bagnato e terminate con la pista asciutta in traiettoria, la Ferrari aveva fatto doppietta con Vettel (1’26”067) davanti a Raikkonen (+2”4) ed Ericsson (Alfa Sauber) a 2”8. Attenzione al trucco, però: i tre sono stati gli unici ad aver calzato le gomme slick ultrasoft nel finale, mentre gli altri, a cominciare da Verstappen, 4° in 1’31”680 e focoso al punto da farsi urlare in radio “nessun eroismo sull’umido”, hanno utilizzato le intermedie. Alle spalle dell’olandese volante ecco nell’ordine Sainz, Ricciardo, Bottas, Hamilton, Vandoorne ed Alonso, con Leclerc terzultimo davanti a Magnussen e Hulkenberg, mentre le Force India non hanno girato. Con le ‘Havaianas’ forse non era il caso…

dal nostro inviato Massimo Brizzi 

© riproduzione riservata