Bahrain, capolavoro Vettel! Battuti Bottas e Hamilton Ferito meccanico Ferrari

Sebastian Vettel in azione in Bahrain. Afp

Sebastian Vettel in azione in Bahrain. Afp

‘); }

E due! Due vittorie sue due gare, punteggio pieno in classifica, una macchina che risponde bene e una squadra che sa reagire alle difficoltà. Che Sebastian Vettel, in Bahrain! E soprattutto che Ferrari! Il tedesco ha vinto anche la seconda prova del Mondiale, festeggiando alla grande il suo 200° GP in F.1. Ha preceduto Valtteri Bottas e Lewis Hamilton, un sorprendente Gasly con la Toro Rosso e la Haas di Magnussen. E la classifica sorride. Era dal 2004 che il Cavallino non vinceva le prime due gare della stagione, con Michael Schumacher. A fine anno fu Mondiale, in questo 2018 chissà.

che freddezza — Peccato per il ritiro di Kimi Raikkonen, ripartito troppo presto al 36° giro con la gomma posteriore sinistra non ancora cambiata. Nella ripartenza ha investito un meccanico che è stato subito soccorso. Proprio in quegli istanti concitati, oggi il Cavallino ha mostrato la freddezza che aveva mostrato a Melbourne, cambiando la strategia in corsa e beffando ancora la Mercedes, che pensava di avere la gara in pugno con la strategia a una sola sosta. La Ferrari ha capito che le due soste avrebbero regalato la vittoria ai rivali e ha ordinato a Vettel di non fermarsi più con le soft, montate al 21° giro. L’azzardo ha pagato: 36 giri con la gomma gialla e il manico di Sebastian, davvero bravo, sono stati la chiave per la vittoria.


ESAME DI CINESE — Cinica, concreta e per ora sempre vincente. Cosa si può volere di più da questa Ferrari? Forse manca solo quello di cui ha parlato giovedì in Bahrain proprio Vettel, l’ultimo gradino, cioè la velocità su tutte le piste. In Australia si è vista una Ferrari capace di capitalizzare al massimo l’unica piccola occasione che la Mercedes le ha concesso. In questo weekend abbiamo invece ammirato tanta concretezza e freddezza: dalle libere alle qualifiche, al GP, il Cavallino ha sfruttato bene la sua tradizionale velocità e adattabilità al caldo e al tracciato del piccolo regno mediorientale. Ma questo è un campionato lungo, e se si pensa che a Melbourne la gara era nelle mani di Hamilton e che anche l’anno scorso le rosse vinsero in Australia e in Bahrain (e poi sappiamo com’è finita), ecco che l’esaltazione oggi sarebbe un peccato capitale. Tra sette giorni in Cina ci sarà invece una bella verifica. Perché l’anno scorso ci vinse Hamilton: un successo rosso sarebbe un avviso importante, ai rivali e al campionato.

emozioni al via — Oggi però la Ferrari è stata favolosa come a Melbourne, quando la Virtual Safety Car diede a Vettel l’occasione di passare in testa. La prima fila conquistata sabato ha permesso a Seb di controllare la corsa all’inizio. Ma poi la Mercedes ha mostrato ancora una volta la loro velocità e ci è voluto un cambio di strategia in corsa per spuntarla. Al via il tedesco e Bottas sono scattati bene sfruttando il lato pulito della pista e la Mercedes del finlandese ha scavalcato la rossa di Raikkonen. Un disastro l’avvio delle Red Bull che hanno perso Ricciardo (la macchina gli si è letteralmente spenta) e Verstappen. L’olandese si è toccato con Hamilton e la sua posteriore sinistra si è afflosciata, costringendo il pilota della Red Bull a un giro lento per tornare ai box per il cambio in regime di Virtual Safety Car.

triplo hamilton! — Alla ripartenza del 5° giro spettacolare Lewis Hamilton che in rettilineo ha affiancato Alonso e ha intuito che a destra c’erano spazio e velocità per staccare lungo e mangiarsi anche Ocon e Hulkenberg: manovra riuscita e indimenticabile triplo sorpasso! Liberandosi poi di Magnussen e Gasly, ha guadagnato presto la quarta posizione, ma a quel punto con un ritardo dalle Ferrari e da Bottas di una decina di secondi, di 14 da Vettel. A quel punto è stata tutta una valutazione di velocità e gomma. Perché mentre i primi tre sono partiti con gomma supersoft, Hamilton ha lavorato per allungare lo stint, essendo scattato con gomma soft, puntando a un GP con una sola sosta.

strategia pro bottas — Cruciale il momento del primo pit stop, perché la Mercedes ha cercato di sparigliare le carte in tavola. Al 19° e 20° giro Vettel e Raikkonen hanno rivelato di essere su una strategia a due soste montando le soft. Al 21°, invece, Bottas ha montato le medie per andare fino alla fine, mettendosi al pari di Hamilton, che ha proseguito fuori fino al 26° giro prima della sua annunciata unica sosta. Vettel ha così dovuto spingere forte per guadagnare margine su Bottas, a quel punto il rivale per la vittoria. Il problema è che quel margine non è saltato fuori. Mercedes con la gara in pugno.

capolavoro seb — Al 36° giro ci si è aggiunto il ritiro di Raikkonen con tanta paura ai box del Cavallino. Il finlandese è entrato per la seconda sosta ed è ripartito troppo presto colpendo un meccanico che è stato subito soccorso. Kimi si è subito fermato perché la posteriore sinistra non era stata cambiata e dunque amaro ritiro. Proprio in questi delicati momenti il capolavoro del Cavallino: a Vettel è stato ordinato di restare in pista perché la seconda sosta avrebbe significato vittoria sicura della Mercedes. Seb ha fatto la differenza, rendendo possibile quello che la Mercedes non pensava potesse accadere: 36 giri sulle soft. Questo Cavallino non scherza per niente.