Buriram, pole Marquez Rossi e Dovi in prima fila

Marc Marquez. Getty

Marc Marquez. Getty

‘); }

Undici millesimi. Tanti separano Marc Marquez da Valentino Rossi in una qualifica del GP di Thailandia che all’improvviso ci restituisce una Yamaha molto competitiva. Ma alla fine a spuntarla ancora una volta è il leader del Mondiale della Honda, che per appunto 11 millesimi ha la meglio su Rossi e per 0″139 sulla Ducati di Andrea Dovizioso sempre molto veloce nei primi due settori, ma poi più in difficoltà nel tratto di curve a bassa velocità dove conta molto la percorrenza.

passando dalle prequalifiche — Arrivato in Q2 dalle prequalifiche, dopo essere scivolato nel finale delle terze libere, Marquez ha comunque confermato di essere il riferimento su questo tracciato corto e stretto, anche se Dovizioso ancora una volta si prenota come suo contendente numero uno. Delusione per gli altri italiani: Andrea Iannone, sempre più preoccupato di trovare le scie giuste che non di cercare un tempo alla sua portata, alla fine è 6° dietro Maverick Vinales e Cal Crutchlow, Danilo Petrucci è 9° alle spalle di Dani Pedrosa e Johann Zarco e davanti al compagno Jack Miller.
moto3 — Fra le piccole, pole di Marco Bezzecchi che con il tempo di 1’42″235 precede Masia di 0″462 e Masaki di 0″481. In seconda fila, 4° Arbolino (+0″485), 5° Antonelli (+0″541) e 6° Binder (+0″564), mentre chiudono i dieci: Bulega (+0″580), Bastianini (+0″583), caduto nel finale insieme a Chantra, Di Giannantonio e Dalla Porta. Il leader del mondiale, Jorge Martin, scatta 13°.


Dal nostro inviato Paolo Ianieri 

© riproduzione riservata