Castillejo, gol alla Higuain E così dribbla tutti i dubbi

In Spagna non è diventato celebre per i gol, ma per dribbling e assist. La specialità della casa. A Milano però le occasioni per mettersi in mostra sono state finora pochine per Samu Castillejo, anche perché la Serie A concede meno spazi della Liga. Gattuso lo sta poi inserendo gradualmente. Così il bel gol al Sassuolo può essere una felice scorciatoia per convincere i tifosi rossoneri, soprattutto quelli che lo vedono un po’ troppo leggerino per il nostro campionato. Sarà, ma alla prima da titolare in Serie A, ecco la prima gioia. Sinora aveva giocato dal 1′ solo in Europa League contro il Dudelange, servendo peraltro la palla del gol partita a Gonzalo Higuain. Un fatto passato quasi inosservato, in una serata dove in tanti pensavano piuttosto alla mancata goleada alla piccola squadra del Lussemburgo.

‘); }

Il gol di Castillejo al Sassuolo. Ansa

Il gol di Castillejo al Sassuolo. Ansa

destino — Ad agosto, prima che il Milan lo strappasse con un blitz al Villarreal, Castillejo sembrava vicinissimo al Siviglia. Un affare sfumato all’ultimo. Anche per volontà del calciatore, che il Milan lo sognava sin da bambino. Stavolta non è retorica, perché lo stesso Samu appena arrivato a Milano ha postato una sua foto da bambino in Duomo con la bandiera rossonera. Per uno nato a Malaga è un fatto singolare.


tattica — I primi anni di carriera partiva largo a sinistra. Non andavano ancora così di moda gli esterni d’attacco a piede invertito: i mancini stavano all’ala sinistra, i destrorsi a destra. Andare sul fondo era la mission. Castillejo calcisticamente nasce così e forse per questo il gol non è una sua ossessione. Non a caso, sino al 2017 ne aveva segnati appena 6 in tre anni tra campionato spagnolo e coppe. L’ultima stagione al Villarreal ha iniziato a giocare con continuità a destra, rientrando alla Suso per cercare più spesso la porta. E infatti sono arrivate 6 reti in 30 gare di Liga. Al Milan Gattuso lo ha impiegato a gara in corso sempre a sinistra, mentre in Europa League a destra. Contro il Sassuolo il ruolo inedito: falso nove, vista l’assenza di Higuain e le condizioni precarie di Borini e Cutrone. Ma come, proprio lui, così leggerino, a fare il centravanti? I dubbi alla vigilia c’erano, inutile negarlo. Ma poi il Milan ha segnato per la prima volta in stagione 4 gol, con Castillejo abile a muoversi negli spazi senza dare riferimenti. Il gol è la ciliegina sulla torta: stop e gran sinistro, a trafiggere Consigli dal limite. Una rete alla Higuain, che presto (spera Gattuso) si riprenderà il suo posto là davanti. E Castillejo? Tornerà a dribblare. Anche i dubbi, quando è necessario…

 Gasport 

© riproduzione riservata