Casting Psg, c’è pure Sarri Bocciati Conte e L. Enrique

Maurizio Sarri, 59 anni, allenatore del Napoli. Ansa

Maurizio Sarri, 59 anni, allenatore del Napoli. Ansa

‘); }

Sono in drastico calo le quotazioni di Luis Enrique. Stabili quelle di Allegri. Sempre marginali quelle di Pochettino. Quasi nulle quelle di Mancini, Conti e Ancelotti. Ma alla borsa del totonomi per la futura panchina del Psg, irrompe un nuovo candidato: Maurizio Sarri, indicato come profilo di gradimento dal quotidiano Le Parisien.

rialzo — Lo stesso giornale della capitale boccia Enrique, sostenuto da una parte del clan dei brasiliani, ma più vicino alla firma con il Chelsea. In realtà, la trattativa con lo spagnolo che con il Barcellona vinse la Champions insieme a Neymar si sarebbe incagliata su pretese salariali. Enrique giocherebbe al rialzo anche sul numero di assistenti per forzare la mano ad Abramovich. Di conseguenza il Parisien titola in modo drastico: “Enrique non verrà a Parigi”.


divisioni — Sempre secondo il quotidiano locale, Silva ha così chiamato Ancelotti per capirne le intenzioni e magari far da tramite con la dirigenza. Che però è divisa. Da un lato, infatti, il d.s. Henrique, in alternativa ad Enrique, punta più che sul pupillo Villas Boas su Pochettino. Ma al tecnico del Tottenham, sbattuto fuori agli ottavi di Champions come Emery, la presidenza preferirebbe Allegri. Solo che finora non ci sarebbero stati contatti con il bianconero, almeno tramite i canali giusti.

stile — Se il caratteriale Conte è considerato incompatibile con i privilegi concessi a Neymar, non trova conferme l’interesse per Mancini, tra l’altro molto vicino alla panchina azzurra. Simeone, dopo le avances di un paio di estati fa, ha rinnovato con l’Atletico fino al 2020. Così ecco spuntare il nome di Sarri che non ha ancora prolungato con il Napoli con cui si è fatto un nome soprattutto per lo stile di gioco spettacolare. Una nuova entrata in un dossier ancora molto ingarbugliato.

 Alessandro Grandesso 

© riproduzione riservata