Champions League Roma, Uefa riduce squalifica di Pallotta da 3 a 1 mese

ROMA – L’Uefa ha parzialmente accolto il ricorso della Roma contro la sospensione per tre mesi inflitta al presidente giallorosso, James Pallotta, per le sue dichiarazioni post Roma-Liverpool, semifinale di Champions League disputata il 2 maggio. Per Pallotta, la squalifica è stata quindi ridotta ad un mese – a partire dalla prima gara Uefa della stagione 2018/19 – durante il quale il presidente non potrà essere nell’area tecnica, nè comunicare con i giocatori e i tecnici durante la partita e nemmeno entrare nello spogliatoio o nel tunnel prima o durante. Secondo il ricorso della Roma, il presidente Pallotta, nel dopo-partita, se l’era presa “a caldo” col delegato Uefa e in privato, mentre pubblicamente non aveva fatto commenti sulla direzione di gara. Il n.1 giallorosso aveva in particolare chiesto l’introduzione della Var dopo essersi lamentato per le decisioni arbitrali.