Chiamami col tuo nome censurato al Pechino International Film Festival

Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino, forte del suo recente Oscar per la migliore sceneggiatura non originale (andato a James Ivory) avrebbe dovuto partecipare al Festival Internazionale del cinema di Pechino, in programma dal 16 al 23 aprile. Non accadrà. La Sony Pictures Classic ha comunicato la cancellazione della partecipazione, che l’esperto cinese di cinema Wu Jian ha spiegato così all’agenzia Reuters: “Il film va contro l’atmosfera politica in Cina”.

In altre parole l’argomento del film, una relazione omosessuale tra due uomini, non è gradito alla società cinese. Pare che al momento in Cina la situazione sia complessa in merito: anche se l’omosessualità non è vietata per legge, il governo spinge per la negazione di spazi culturali e voci per la comunità LGBTQ. Lo scorso maggio la app Rela per incontri tra donne gay era stata chiusa, mentre a luglio una conferenza su questi argomenti è stata cancellata a Chengdu.

Chiamami col tuo nome ha ricevuto quattro nomination all’Oscar (e una statuetta, come si diceva) e tre nomination ai Golden Globe, incassando in tutto il mondo 38 milioni di dollari, a fronte di un costo di 3.500.000.