Cutrone cecchino infallibile Adesso l’orizzonte è azzurro

Patrick Cutrone, 20 anni, esulta con Higuain durante la sfida con l’Olympiacos. Lapresse

Patrick Cutrone, 20 anni, esulta con Higuain durante la sfida con l’Olympiacos. Lapresse

‘); }

Le probabilità che Clint Eastwood abbia visto Milan-Olympiacos in televisione sono vicine allo zero, ma è un peccato, perché si è perso un «Larian Sniper» preciso almeno quanto il suo American. Il cecchino comasco – per fortuna qui non si parla di guerra, ma di calcio – è Patrick Cutrone. E il contributo statistico a fine gara conforta l’impressione visiva: due tiri, due gol. Infallibile. Dieci piani di concretezza, un contrasto stridente col fumoso Castillejo visto contro l’Olympiacos, prima che la lavagnetta segnasse il cambio tra il numero 7 rossonero e il 63. Questione di fame, dicono di lui a ogni prodezza. “Continuerò ad averla e a farmi trovare pronto – risponde a fine gara il diretto interessato -, poi è Gattuso a decidere se gioco da titolare o no”.

ORIZZONTE AZZURRO — Il totale stagionale per Cutrone parla di 3 centri in 85 minuti, uno ogni 28. Davvero una capacità incredibile di incidere sui match in poco tempo, davvero un attaccante troppo “denso” di episodi favorevoli per non meritare attenzione in chiave Nazionale, in un momento così asfittico per le bocche da fuoco azzurre. E infatti il c.t. Mancini lo convocherà per i match con Ucraina e Polonia. Quarta doppietta in carriera, la prima uscendo dalla panchina, per un bottino in rossonero che sale a 21. Il tutto con la caviglia sinistra che duole da settimane. “Mi fa ancora un po’ male, stringo i denti e cerco di curarla – dice Patrick -. Il mio gol più bello? So solo che voglio farne altri”. Una realtà italiana ed europea, con solide prove già sul tavolo. Non resta che provarci anche in azzurro, quando i suoi gol saranno patrimonio nazionale.


LEGGI IL SERVIZIO COMPLETO DI STEFANO CANTALUPI SULLA GAZZETTA DELLO SPORT IN EDICOLA OGGI

 Gasport 

© riproduzione riservata