De Magistris-De Laurentiis Caso stadio, passi in avanti

Il sindaco di Napoli de Magistris e il presidente azzurro De Laurentiis. ANSA

Il sindaco di Napoli de Magistris e il presidente azzurro De Laurentiis. ANSA

‘); }

Juventus-Napoli deve avere poteri taumaturgici perché è riuscita, a poche ore dal fischio di inizio, a rasserenare gli animi tra De Laurentiis e de Magistris dopo un’estate nella quale i rapporti tra il club azzurro ed il sindaco di Napoli sono stati a dir poco burrascosi.

LAVORI E SCUDETTO — La necessaria e indifferibile ristrutturazione del San Paolo ha lacerato i rapporti tra i due ma entrambi in vista della super sfida dello Stadium hanno riposto l’ascia di guerra. Anzi, De Laurentiis è parso molto soddisfatto di quanto emerso dal briefing per fare il punto sulle condizioni dello stadio che sarà interessato dalle Universiadi 2019: “È stata una riunione positiva perché costruttiva – ha detto al termine De Laurentiis che ha fatto gli auguri al commissario per le Universiadi Basile -. Le opere andranno di pari passo con il campionato e con le partite di Champions (21.000 mini abbonamenti già venduti, ndr) e cercheremo tutti insieme di lavorare senza creare disagi ai tifosi ma dando la disponibilità massima di posti per un impianto che quando vuole rispondere dà più di 55 mila presenze”. Rappresentato nell’occasione dal capo di gabinetto Auricchio, il sindaco ha poi fatto eco dai microfoni di Kiss Kiss Napoli: “Ora è il momento di concentrarci sulla partita che è molto importante, il Napoli sta giocando bene, tiene il passo della Juventus che va fortissimo e sarà un test probante per entrambe anche se è presto per fare valutazioni in chiave scudetto”.


 Gianluca Monti 

© riproduzione riservata