Di Francesco per il miracolo Difesa a 3, El Shaarawy out

Eusebio Di Francesco, tecnico della Roma. Ansa

Eusebio Di Francesco, tecnico della Roma. Ansa

‘); }

Solo in due occasioni, prima d’ora, in Champions League una squadra è riuscita a ribaltare il discorso qualificazione partendo da una situazione in cui era necessario recuperare tre (o più) gol. Una volta ci finì il Milan di mezzo (nello storico 4-0 del Super Depor al Riazor nel 2003-2004), l’altra è molto recente, con l’incredibile 6-1 del Barcellona al Psg (dopo lo 0-4 di Parigi) della scorsa edizione. E visto che non c’è due senza tre… Formazioni a breve ufficiali, ma Di Francesco ha scelto la difesa a tre con Manolas, Fazio e Juan Jesus con Kolarov e Florenzi sulle fasce, ai lati del duo De Rossi-Strootman. Trequartista Nainggolan. Davanti, come da previsione, Dzeko-Schick. Resta fuori, almeno inizialmente, El Shaarawy.

“impresa possibile” — La Roma cerca l’impresa (o miracolo che dir si voglia) dopo il 4-1 subito al Camp Nou dai blaugrana. Rimontona ai limiti dell’impossibile ma andando a vedere come è maturato (tra rigori solari negati e autogol quasi fantozziani) forse un pensierino, come ha invitato a fare lo stesso tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco (“Barça battibile, proviamoci con carica e cinismo”) ieri in conferenza stampa, è possibile. D’altronde l’invito dell’allenatore abruzzese è stato recepito alla grande dal popolo giallorosso che va riempiendo l’Olimpico già da un po’ e che promette un tutto esaurito (o quasi) per due ore di passione e colore con l’obiettivo di aiutare la Roma a raggiungere il miracolo semifinale.


 gasport 

© riproduzione riservata