Douglas Costa, tocca a te! E sui social è boom di like


‘); }

Il significato è discretamente misterioso: “Oieeeeeee”. Douglas Costa nel pomeriggio è tornato ad allenarsi con i compagni e ha postato una foto su Instagram con le nove lettere misteriose come testo. Conta più il significato della sua presenza per la Juventus: il brasiliano sta bene ed è quasi pronto per tornare a dare una mano. Tra due sabati potrebbe essere a disposizione per la partita contro il Genoa dopo la doppia assenza per squalifica e infortunio. Oggi, nel ritorno in campo dopo i giorni liberi concessi da Allegri, si è allenato a parte assieme a Rugani e Khedira. Almeno per lui, il personalizzato dovrebbe continuare per tutta la settimana. Seguiranno valutazioni e decisioni.

TOCCA A LUI? — La certezza è che le quattro giornate di squalifica per lo sputo a Federico Di Francesco nel finale di Juventus-Sassuolo sono alle spalle: Douglas Costa ha saltato Frosinone, Bologna, Napoli e Udinese. La questione ora è la ripresa dai due problemi fisici nati con l’infortunio in Valencia-Juve di Champions: una distrazione agli adduttori della coscia destra e un trauma alla caviglia sinistra. Il rientro, Genoa o non Genoa, non è lontano e per Allegri la notizia è importante. DC11 infatti è l’attaccante che si è fatto meno sentire in stagione. Cristiano, Dybala, Mandzukic e Bernardeschi hanno avuto i loro momenti di gloria, Douglas invece è partito bene ma si è eclissato con quell’orrendo sputo in mondovisione. Sapendo quanto è importante per Allegri, lo vedremo presto in campo.


100MILA LIKE — Previsione facile: Douglas Costa giocherà dall’inizio almeno una partita tra Genoa, Manchester United ed Empoli. Allegri per pensarci ha almeno una settimana, in cui allenerà un gruppo ristretto, senza i 14 nazionali convocati. Domani ad esempio la squadra tornerà in campo per l’allenamento del mattino e Douglas, come da abitudine, correrà. Lo fa anche nella foto col testo misterioso, che sembra essere piaciuto: nella prima ora, oltre 100mila like.

 Luca Bianchin 

© riproduzione riservata