Entella, ricorso accolto Il Coni le ridà la serie B Ma ha già esordito in C

I giocatori della Virtus Entella.Lapresse

I giocatori della Virtus Entella.Lapresse

‘); }

La Virtus Entella è in Serie B? Non è uno scherzo né una battuta, ma solo l’ultimo colpo di scena dell’estate più pazza che il calcio italiano ricordi da almeno vent’anni. Il Collegio di Garanzia dello Sport, riunito in prima sezione, al termine della udienza tenutasi oggi, ha riconosciuto la “legittimazione processuale” della Virtus Entella e ha determinato che la sanzione afflittiva irrogata al Cesena nel giudizio di primo grado del processo per le plusvalenze fittizie con il Chievo sia eseguita nel campionato 2017-2018.

IL PERCORSO — Riavvolgiamo il nastro: a luglio il club romagnolo era stato sanzionato con un -15, ma nel campionato 2018-19, mentre i veneti avevano ottenuto l’improcedibilità e la fissazione di una nuova udienza addirittura al 12 settembre, a cui la Corte d’appello aveva agganciato anche la parte del Cesena, vanificando la penalizzazione inflitta in primo grado. Ma nei cinquanta giorni trascorsi tra il primo e il secondo dibattimento, il Cesena è fallito e la Figc gli ha revocato l’affiliazione, di fatto tirandolo fuori dal processo e facendo cadere nel vuoto le rivendicazioni dell’Entella. Il club ligure aveva subito fatto ricorso al Collegio di garanzia del Coni, che ora le dà ragione. Con una conseguenza che a questo punto sembra del tutto logica: l’Entella ritrova la Serie B, ma nel frattempo ha già esordito nel campionato di C. Che fare ora?


 Alessandro Catapano 

© riproduzione riservata