Fenati, accordo con la FMI Sospeso 5 mesi e 10 giorni

Il caso Fenati si chiude con una sospensione della Licenza della Federazione Motociclistica Italiana di 5 mesi e 10 giorni. È quanto emerso dalla convocazione del pilota ascolano, che nel GP di San Marino del 9 settembre 2018 della Moto2 aveva tirato il freno anteriore della moto di Stefano Manzi dopo un duello oltre le righe, a Roma al Tribunale Federale della FMI per il procedimento disciplinare a suo carico per la violazione dell’articolo 1.2 del Regolamento di Giustizia della FMI (Rispetto dei principi di lealtà, probità e rettitudine sportiva).

‘); }

sconto di un terzo — Si è arrivati a un accordo stragiudiziale fra il Tribunale Federale e i tre avvocati del pilota, che si sono visti accogliere la richiesta di riduzione della pena di un terzo rispetto alla sanzione base di 8 mesi per il comportamento sleale tenuto. Visto che Fenati ha mostrato pentimento, collaborazione è consapevolezza dell’errore, la pena è stata quindi ridotta a 5 mesi e 10 giorni che scatta dal giorno della notifica della sospensione cautelare, l’11 settembre 2018.


il procuratore federale — Così il Procuratore Federale Antonio De Girolamo ha spiegato la vicenda: “Non vogliamo crocifiggere Fenati, ma neanche fare finta che non sia successo alcunché: lui nelle fasi processuali ha chiesto scusa, e c’è anche chi non lo fa. C’è un accordo sulla richiesta fatta dai difensori di Fenati di applicazione di una sanzione finale di mesi 5 e giorni 10 alla quale si arriva dagli 8 mesi di pena base con la diminuzione del comportamento processuale pienamente ammissivo di un terzo in meno, per cui 5 mesi e 10 giorni da quando è stata notificata la sospensione cautelare”.

il pilota — Il pilota, presente in aula, ha accolto con serenità il verdetto: “Mi sto dando da fare in ferramenta, non sto nemmeno seguendo la gare in tv, anzi non so nemmeno come siano andate quelle dell’Australia…Adesso penserò con calma a una soluzione per l’anno prossimo”.

la squalifica — Fenati, cui era stata esposta bandiera nera nel GP della Moto2 di San Marino, era stato inizialmente squalificato per 2 GP dagli Steward della FIM, che poi ha usato il pugno di ferro, ribaltando l’operato dei giudici di Misano, e squalificandolo – dopo una convocazione del pilota nella sede FIM di Mies (Svizzera) del 21 settembre – fino al 31 dicembre 2018. Nel frattempo Fenati aveva anche incassato un duplice licenziamento, sia dal team Marinelli Snipers con cui era sotto contratto in questa stagione, sia dal Forward MV Agusta con cui si era accordato per il prossimo anno.

stop fino a febbraio — Fenati dovrà dunque restare lontano da eventuali competizioni tricolore fino al 21 febbraio 2019, ma potrebbe tornare in azione – se ne avrà voglie e dovesse trovare un intesa con un team -, già nel primo GP del mondiale 2019. Va ricordato, infatti, che per disputare i GP del Mondiale non è obbligatoria la licenza nazionale, come recita l’art. 1.10.1 del Regolamento Sportivo.

 Gasport 

© riproduzione riservata