Ghost Stories: la nostra intervista a Martin Freeman

Fa davvero piacere incontrare un attore simpatico e intelligente come Martin Freeman, che ha conosciuto la fama internazionale come protagonista della trilogia de Lo Hobbit, ma è amatissimo anche per i suoi ruoli nelle serie The Office e Sherlock e per la partecipazione alla Cornetto Trilogy di Edgar Wright.

Quale migliore occasione per parlarci di uno degli horror più attesi e interessanti in uscita? Ghost Stories, tratto dall’omonimo spettacolo teatrale di Andy Nyman e Jeremy Dyson che lo firmano anche al cinema (e il primo lo interpreta nel ruolo dello sfortunato professor Goodman), si riallaccia a una tipica tradizione inglese degli anni Sessanta e Settanta e arriva in Italia il 19 aprile distribuito da Adler Entertainment.

A 46 anni, il magro e minuto Freeman ha ancora l’aspetto dolce e simpatico di un ragazzino e in lui abbiamo scoperto una vena da vero e non casuale appassionato di cinema horror, tanto che ci ha anche rivelato un divertente e singolare rimpianto, legato proprio legato a questo genere.

Nel film, Martin Freeman interpreta un personaggio di nome Mike Priddle, ma essendo il tutto ad alto rischio spoiler, abbiamo cercato di evitare domande troppo specifiche e compromettenti. Ci teniamo a precisare, comunque, che Ghost Stories è davvero un film da non perdere, e che il ruolo di Freeman, per quanto l’attore non sia il protagonista assoluto, vi piacerà moltissimo!

La trama ufficiale di Ghost Stories:

Il Professor Philip Goodman, noto a tutti per il suo proverbiale scetticismo nei confronti di qualsiasi evento sovrannaturale conduce un programma televisivo, nel quale smaschera false sedute spiritiche e sedicenti sensitivi. Quando gli affidano il compito d’indagare su tre sconcertanti casi di attività paranormale, Goodman inizia a scavare sempre più a fondo, ignaro del fatto che i 3 casi finiranno per rivelare, ciascuno a suo modo, dei misteri terrificanti, ben oltre la sua stessa immaginazione. Finché, via via, non giungerà a un’angosciante e scioccante conclusione che lo riguarderà personalmente.

Il Trailer Italiano Ufficiale del Film: