Giacomelli inguaia la Spal E Casarin applaude la Var

L’espulsione di Vicari. Ansa

L’espulsione di Vicari. Ansa

‘); }

Giornata senza troppe difficoltà per i direttori di gara, salvo Giacomelli in Genoa-Spal. A vedere il posticipo tra Juve e Milan in Gazzetta è arrivato l’ex designatore Casarin, che ha promosso l’arbitro Mazzoleni e soprattutto la Var: “L’avessi avuta io…”.

juventus-milan 3-1 — Mazzoleni di Bergamo


Dopo un corner per la Juve, con il pallone che finisce sul fondo, Mazzoleni va alla Var richiamato dal collega Massa. Ma la deviazione col gomito di Bonucci, girato in torsione sulla pressione di Benatia, viene giudicata giustamente involontaria: punizione per il Milan per la carica del difensore bianconero.

SASSUOLO-NAPOLI 1-1 — Fabbri di Ravenna

Buona la direzione dell’arbitro Fabbri, malgrado la partita spigolosa e con molti contatti duri. Forse manca una punizione al limite dell’area in favore del Napoli (18′ primo tempo) quando Zielinski viene leggermente trattenuto da Sensi poco fuori area, col polacco che si lamenta chiedendo però il rigore.
Per il resto, bravo il primo assistente Alassio a pizzicare in fuorigioco Callejon (5′ primo tempo) sul cross di Mertens: comunque anche il Var dopo check ha confermato la decisione dell’assistente. Il Sassuolo protesta per un gomito alto di Albiol (già ammonito) al 36′ del primo tempo, poco dopo un giallo a Peluso: ma il difensore del Sassuolo aveva allargato il braccio su Callejon, lo spagnolo no. Albiol e Jorginho, ammonti e diffidati, verranno squalificati.

ATALANTA-UDINESE 2-0 — Pairetto di Nichelino
Tutto tranquillo per la squadra arbitrale e nessun caso controverso.


BOLOGNA-ROMA 1-1 — Irrati di Pistoia
La Roma si lamenta sul gol subìto per il precedente tocco col braccio di Poli, ma è chiaramente involontario. Giusto pure non intervenire sulle cadute in area di Schick e Palacio.

CAGLIARI-TORINO 0-4 — La Penna di Roma
Ok in avvio non assegnare il gol a Iago Falque: palla già uscita sul cross di Belotti. Nel finale di primo tempo Castan a terra dopo aver abbassato la testa per colpire il pallone proprio mentre Burdisso alzava la gamba: c’è contatto, ma difficile stabilire chi era da punire. Nel finale convalidato grazie alla Var il 4-0: Belotti è in linea con Miangue.


CHIEVO-SAMPDORIA 2-1 — Orsato di Schio
Ci sta il rigore fischiato alla Samp: Gobbi colpisce Zapata. Buono il 2-1 del Chievo: non c’è offside di Inglese sul cross finito in rete di Hetemaj.

FIORENTINA-CROTONE 2-0 — Valeri di Roma
Fermato Trotta nel primo tempo davanti al portiere: giusto perché c’è il fuorigioco attivo di Ricci. Nella ripresa il Crotone resta in 10: secondo giallo a Capuano che sbraccia in maniera netta sul viso di Chiesa.

GENOA-SPAL 1-1 — Giacomelli di Trieste
C’è il primo rigore assegnato al Genoa: Meret sbaglia il controllo del pallone e poi atterra Bertolacci. Al 25′ Giacomelli (forse non sereno vista la convocazione in aula di un giudice romano dopo la citazione di due tifosi laziali che chiedono i danni per le presunte sviste commesse in Lazio-Torino) concede un altro penalty ai rossoblù, ma commette una doppia svista con la collaborazione del Var Mariani che lo richiama al replay per un contatto tra Vicari e Lapadula che non può mai essere considerato un chiaro errore (condizione essenziale per usare la tecnologia). L’arbitro poi ci mette quasi 2′ per scovare il tocco casuale tra i due giocatori: Lapadula mentre sta per calciare a porta vuota allarga la gamba all’indietro che va a incocciare (in modo leggero) sul ginocchio di Vicari, intento solo a correre. Difficile individuare la negligenza: sbagliato punirlo, specie con la Var. Doppia beffa per la Spal: espulso in automatico Vicari per aver negato la chiara occasione da gol.


INTER-VERONA 3-0 — Rocchi di Firenze
Rischia molto Fares: entrata da arancione (tendente al rosso) su Rafinha, arriva il giallo. Nel finale Eder è abbattuto da Nicolas appena fuori area: punizione e rosso diretto per la chiara occasione negata.

LAZIO-BENEVENTO 6-2 — Calvarese di Teramo
Benevento quasi subito in 10: Immobile scavalca Puggioni che tocca la palla con le mani fuori area, ok il rosso. Giusto annullare il gol a Immobile (offside di Patric), mentre nella ripresa il 2-1 ospite arriva sul cross di Lombardi: la palla sembra pizzicare con la circonferenza la linea di fondo. Generoso il penalty dato nel finale sul contatto Djimsiti-Nani.

 Ceniti-D’Angelo 

© riproduzione riservata