Giovinazzi va alla Sauber Finisce il digiuno italiano

L’Italia torna in F.1 a tempo pieno con un suo pilota: è infatti ufficiale l’ingaggio per la stagione 2019 di Antonio Giovinazzi con la Sauber Alfa Romeo. Il pugliese, dunque, dopo i due GP dell’anno scorso, sempre con il team svizzero, in Australia e Cina per sostituire Pascal Wehrlein riceve l’investitura ufficiale di pilota titolare. La prossima stagione correrà al fianco di Kimi Raikkonen, che ha scambiato il suo sedile con Charles Leclerc, che approderà a Maranello per far coppia con Sebastian Vettel. “La decisione di nominare Giovinazzi è significativa nella portata del progetto che in questa stagione ha visto il ritorno di Alfa Romeo al culmine degli sport motoristici dopo una pausa di oltre 30 anni”, si legge nel comunicato emesso dalla squadra svizzera e dal fornitore di motori.

‘); }

puzzle — Le tessere del puzzle sono andate a posto e nel verso giusto per i colori italiani, con la regia della Ferrari che ha sempre creduto nelle doti di ‘Tonio’, utilizzato da terzo pilota nei test e soprattutto in un oscuro, ma prezioso lavoro di raccolta dati al simulatore. Il Cavallino prima ha promosso Leclerc, la punta di diamante della sua Academy, a pilota titolare, poi è riuscita a piazzare – un vecchio pallino del compianto presidente Marchionne – il 24enne pugliese sulla Sauber motorizzata Alfa Romeo facendo probabilmente proprio leva su un’agevolazione nella fornitura delle power unit. Traguardo importante per Giovinazzi, che quest’anno ha girato con la scuderia svizzera nelle prime libere in Germania e Ungheria, nonché nei test al Montmelò e Hungaroring alternandosi fra la Sauber Alfa Romeo C37 e la Ferrari SF71-H.



basta digiuno — Giovinazzi, un trofeo italiano ed uno europeo nei kart agli inizi, la vittoria nella F. Pilota China (2012) e il 2° posto nel campionato GP2 del 2016 alle spalle di Gasly, colma così un vuoto di 8 anni per l’Italia: era dalla stagione 2011, con Jarno Trulli sulla Lotus Renault e Vitantonio Liuzzi sulla HRT Cosworth, che il tricolore non vantava un suo pilota impegnato in modo permanente in Formula 1. Fine del digiuno. Era ora.

dichiarazioni — “È un sogno diventato realtà ed è un grande piacere avere la possibilità di correre per la Sauber Alfa Romeo – le prima parole di Giovinazzi -. Come italiano è un grande onore per me rappresentare un marchio di successo come l’Alfa Romeo nel nostro sport. Ringrazio la Ferrari e l’Alfa Romeo Sauber per avermi dato questa grande opportunità, sono molto motivato e non vedo l’ora di iniziare a lavorare per ottenere grandi risultati insieme”. Così il team principal della Sauber Alfa Romeo Frédéric Vasseur: “Come piloti per la stagione 2019 abbiamo preso inizialmente Kimi Raikkonen, un pilota estremamente esperto che contribuirà allo sviluppo della nostra vettura e ora diamo il benvenuto ad Antonio Giovinazzi, che prenderà il posto di Charles Leclerc: abbiamo già avuto l’opportunità di lavorare con lui in passato e ha dimostrato di avere un grande potenziale”.

felice sticchi damiani — A corollario dell’ingaggio di Giovinazzi in Sauber Alfa Romeo c’è anche la soddisfazione di Angelo Sticchi Damiani, il presidente dell’Aci. “Finalmente torna in forma stabile un pilota italiano in F.1 e dobbiamo ringraziare la Ferrari per aver creduto e sostenuto il passaggio di Antonio Giovinazzi in Sauber. L’Aci ha fatto tutto quello che era nelle proprie possibilità per arrivare a questa fantastica opportunità per i colori italiani confermando il suo continuo impegno, che offre alle giovani promesse dell’automobilismo un percorso che parte dai kart, passa per la Formula 4 e la Formula 3 e sfocia in Formula 1”.

 Gasport 

© riproduzione riservata