Hetemaj stende la Samp E il Chievo esce dal buio

Un momento del match tra Chievo e Sampdoria. Ansa

Un momento del match tra Chievo e Sampdoria. Ansa

‘); }

Il Chievo fa un passo avanti verso la salvezza, la Samp non esce dalla crisi, incassa la terza sconfitta di fila e aspetta lo scontro diretto con l’Atalanta per capire se ci sono ancora speranze di andare in Europa.

SOLO SAMP — Primo tempo povero di emozioni, e quelle poche sono firmate dalla Samp. Che conquista in fretta il dominio del campo, legittimandolo con un prolungato possesso palla. Il Chievo, in versione prudente col 4-4-2 provato a San Siro, si limita ad aspettare e non cerca rischi. E così la squadra di Giampaolo va vicino al gol con Caprari che, pescato molto bene da Praet, si fa murare due volte da Sorrentino. Il pericolo sventato non dà una scossa al Chievo, anzi. Caprari in mezzo alla linee costringe Castro a stare basso e, senza Birsa, non c’è nessuno in grado di costruire. La Samp non trova praticamente opposizione e al 20’ Quagliarella prova la rovesciata su assist di Zapata da destra: fuori. Il gol è nell’aria e arriva sei minuti più tardi su rigore (giusto) fischiato per un contatto tra Gobbi e Zapata. Quaglia non sbaglia: per lui è il decimo centro al Chievo.


UN ALTRO CHIEVO — La partita gira completamente nel secondo tempo. Il Chievo entra in campo con un’altra testa, mentre Maran ritocca il modulo, spostando Giaccherini a fare il trequartista. Ed è proprio il piccolo Giak a propiziare il pareggio con un cross dalla sinistra, Castro lasciato solo mette dentro di testa. La Samp prova a reagire (tiro di Torreira, Sorrentino alza sulla traversa), poi al minuto 34’ l’episodio che decide la gara: Hetemaj, entrato da poco, crossa da sinistra per Inglese, che tenta il colpo di testa ma non ci arriva (male Regini). Il pallone sorprende Viviano. Ma c’è un supplemento di suspence: Orsato sente il Var per un sospetto fuorigioco di Inglese, va a rivedere l’azione al video e dopo circa 4 minuti decide di convalidare.

Dal nostro inviato Guglielmo Longhi 

© riproduzione riservata