Icardi e i 100 gol con l’Inter “I più belli a Juve e Milan Ora la finale di Champions”

Mauro Icardi dopo la tripletta nel derby d'andata. Getty

Mauro Icardi dopo la tripletta nel derby d’andata. Getty

‘); }

Uno, cento e centotre. Ci perdoni Pirandello per il prestito e la libera interpretazione, ma i numeri di Mauro Icardi non possono non meritare la cornice di un capolavoro. Uno, inteso come numero uno: è lui il top player che l’Inter proverà a trattenere con tutte le proprie forze in estate. Cento, come i gol con la maglia nerazzurra. Centotre come le reti in Serie A.

il primo e i più belli — “Ho fatto 100 gol con la maglia dell’Inter, di cui 96 in area di rigore che considero casa mia” racconta a Inter Tv il capitano. Il primo il 14 settembre 2013 contro la Juventus: Mazzarri lo manda in campo a venti minuti dalla fine e lui porta in vantaggio i nerazzurri. Un vantaggio che dura giusto il tempo di esultare, visto che due minuti più tardi Vidal firma l’1-1 finale. E proprio una rete ai bianconeri è tra le preferite del centravanti argentino: “È stato bello fare il gol di testa nel 2-1 contro la Juventus (sfida andata della scorsa stagione, ndr) per lo stacco fatto in area. Poi il 3-2 nel derby, è stata una bella responsabilità con 80mila persone a guardarti. Spettacolare coinvolgere tutti loro facendo vedere la maglia”.


sogno champions — Mauro Icardi è reduce dal poker alla Sampdoria con cui ha tagliato il traguardo dei 103 gol in Serie A e sabato contro il Verona proverà a dare un ulteriore strappo in vista della lotta in testa alla classifica marcatori che lo vede attardato di soli due gol rispetto al capocannoniere Immobile. E poi c’è il derby il 4 aprile, una sfida che potrebbe significare tanto in chiave Champions. La Champions, appunto, quel torneo che manca tanto al centravanti argentino e che alimenta le sue ambizioni: “Sogno di fare gol in finale di Champions League o del Mondiale. Una partita che rimane nella storia. Sono migliorato tantissimo ma ho 25 anni e non si smette mai di crescere”.

 Pierfrancesco Catucci 

© riproduzione riservata