Icardi e Perisic non segnano E l’Inter è ancora a secco

Mauro Icardi, 25 anni, e Ivan Perisic, 29. Getty

Mauro Icardi, 25 anni, e Ivan Perisic, 29. Getty

‘); }

L’interruttore di Icardi e Perisic è su “off” e l’Inter è tornata ad arrancare. Dopo la scorpacciata di gol contro Sampdoria e Verona, i due attaccanti nerazzurri si sono inceppati e la formazione di Spalletti ha raccolto due 0-0 (con Milan e Atalanta) e una sconfitta – anche se immeritata per mole di gioco espressa e occasioni create – contro il Torino. Le partite, però, non si vincono con le occasioni ma con i gol ed è un dato di fatto che contro i nerazzurri di Gasperini, per la terza volta consecutiva l’Inter non ha segnato.

dalla scorpacciata alla dieta — Contro la Samp, la formazione di Spalletti sembrava essersi trasformata all’improvviso in un carrarmato: solida, capace di proporre gioco a tutto campo e dannatamente concreta. Perisic era tornato a segnare dopo tre mesi e mezzo e Icardi aveva dimostrato con un poker l’infortunio non aveva arrugginito la confidenza con la porta. La conferma una settimana più tardi contro il Verona: doppio assist e gol di Perisic, doppietta di Icardi. Fino al derby. Contro il Milan il centravanti argentino ha fallito due occasioni clamorose (una delle quali, in pieno recupero, sarebbe stata decisiva per il risultato) e tutti, considerato anche il gol annullato per un fuorigioco di un’unghia, abbiamo parlato di giornata no. Poi, però, è arrivato il Torino e l’Inter si è divorata l’impossibile, fino ad essere punita dall’ex Ljajic. Con l’Atalanta, invece, Perisic ha almeno quattro chiare occasioni da rete mentre Icardi non riesce a incidere. E se non segnano loro, non segna neanche l’Inter.


33 su 50 — D’altronde dei 50 gol nerazzurri in questa stagione, 24 li ha segnati il centravanti argentino e 9 l’esterno croato. Gli altri 17 tutti gli altri, con Candreva che non trova la via del gol addirittura da un anno, dal derby del 15 aprile 2017. Un dato non invidiabile per un esterno d’attacco che quest’anno ha giocato 30 delle 32 partite dell’Inter in Serie A, per un totale di 2.328 minuti. Certo, i nerazzurri sono cresciuti tanto nella fase difensiva, hanno subito una solo rete nelle ultime sei gare, ma sono anche la squadra che ha collezionato più 0-0 in tutto il campionato (con l’Atalanta è il sesto). E, se è vero che la miglior difesa è l’attacco, allora Spalletti deve trovare in fretta la ricetta per spostare di nuovo su “on” l’interruttore di Icardi e Perisic. E magari anche degli altri. Martedì sera c’è già il Cagliari a San Siro.

 Pierfrancesco Catucci 

© riproduzione riservata