Il Centro Sperimentale presenta le sue iniziative

Il cinema aperto per ferie, come di consueto, continuerà a vivere nelle arene estive. Una di queste, dalla capienza imponente di 800 posti, ma anche un romantico prato in caso di necessità, sarà allestita dal prossimo 30 giugno all’interno del parco archeologico di Santa Croce in Gerusalemme, a Roma, all’interno degli spazi della direzione cinema del Mibact. Ha incontrato in mattinata alla Casa del Cinema la stampa per illustrare questa e molte altre iniziative, il presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia Felice Laudadio, in occasione di uno degli incontri semestrali con il futuro della prestigiosa istituzione, che ha da poco festeggiato gli ottant’anni.

“Per il cinema italiano”, è questo il titolo scelto, dopo il promettente numero zero dello scorso anno, per concentrare proiezioni ed eventi da offrire da presentare gratuitamente alla città dal 30 giugno al 21 luglio. Sarà suddivisa tre sezioni: la prima dedicata al cinema italiano contemporaneo, con una selezione curata dal critico Enrico Magrelli di film della stagione sostenuti dal ministero, introdotti da un corto saggio finale degli allievi della scuola nazionale di cinema; la seconda settimana vedrà in primo piano i restauri; mentre la terza sezione sarà dedicata a un primo piano sull’autore, protagonisti i Taviani. Occasione pianificata da mesi e diiventata un tributo a Vittorio con la sua recente scomparsa.

Il 7 luglio sarò poi consegnato un Diploma honoris causa a Michael Nyman, che terrà una masterclass, presentando il suo film The 2018 Director’s Cut of War Work: 8 Songs With Film. Un’opera audiovisiva costruita su materiali di repertorio della Prima guerra mondiale diretta e musicata dallo stesso Nyman e curata da Max Pugh. Verranno poi consegnati altri diplomi honoris causa, agli attori Lina Sastri e Fabrizio Gifuni e al regista Matteo Garrone. Per l’occasione verrà anche allestita una mostra, L’Italia restaurata, viaggio nella memoria e nell’identità del nostro Paese attraverso una serie di foto e fotogrammi tratti dai film restaurati dalla Cineteca Nazionale.

Parlando di restauri, proprio mentre si sta concludendo il Cinema ritrovato di Bologna, verranno presentati Miseria e nobiltà (1954) di Mario Mattoli con Totò, Il medico della mutua di Luigi Zampa con Alberto Sordi, che verrà presentato da Carlo Verdone, Sacco e Vanzetti con Gian Maria Volontà, introdotto dal regista Giuliano Montaldo. Fra i restauri in corso di completamento: Good Morning Babilonia di Paolo e Vittorio Taviani (1964), che verrà presentato l’8 agosto al Festival di Locarno, Italiani brava gente di Giuseppe De Santis (1964), che sarà nel programma della prossima Festa del Cinema di Roma, Il portiere di notte (1974) di Liliana Cavani e La notte di San Lorenzo di Paolo e Vittorio Taviani (1982).

Inoltre, per la prima volta l consegna diplomi si terrà al di fuori della storica sede di Via Tuscolana. Laudadio ha poi manifestato, dopo un ringraziamento speciale per il supporto della Regione Lazio, la delusione per “la totale latitanza del comune di Roma, con cui abbiamo ormai rinunciato a creare un contatto dopo un tentativo molto cordiale dello scorso anno. Vorremmo restituire insieme al comune alla cittadinanza una sala storica come il Rialto, speriamo si possa fare”. A questo punto è intervenuto il direttore generale del Mibact Nicola Borrelli, dicendo di non essere al corrente della cosa, e offrendosi per portare avanti la comunicazione e l’auspicata collaborazione fra CSC e comune di Roma.