Il Genoa spreca troppo La Spal pareggia in 10: 1-1

LaPresse

LaPresse

‘); }

Il Genoa ritrova il gol, non la vittoria. Nonostante due calci di rigori i rossoblù non vanno oltre il pari contro una Spal che non si arrende neppure in inferiorità numerica per oltre un’ora. I padroni di casa in avvio sono propositivi e verticalizzano rapidamente, la Spal invece appare cauta, due modi diversi di interpretare lo stesso modulo, il 3-5-2. La differenza, però, la fa il Var. Il Genoa, infatti, è padrone del campo ma per interrompere la striscia di partite senza reti dei rossoblù servono due rigori, entrambi concessi con l’aiuto della tecnologia e arrivati a causa di retropassaggi pericolosi. Uno in avvio di sfida, al 4’, con Bertolacci che va in pressing su Meret, il portiere controlla male e, quando cerca di rimediare, colpisce il centrocampista del Genoa. Due minuti per approfondire con le immagini e Lapadula può concludere dal dischetto, Meret si tuffa sulla sua sinistra e ribatte. La replica venti minuti dopo. Al 25’ Felipe non vede Lapadula e passa ancora indietro. Il centravanti punta il portiere, lo salta, ma quando conclude viene toccato da Vicari, che poi riesce pure a salvare sulla linea. Dopo quasi cinque minuti di stop, Giacomelli, che ha visto pure l’azione nello schermo, concede il secondo rigore ed espelle Vicari. Stavolta Lapadula non perdona.

Gianluca Lapadula dopo aver siglato la rete dell'1-0. LaPresse

Gianluca Lapadula dopo aver siglato la rete dell’1-0. LaPresse

spal mai doma — Sembra tutto deciso, ma non è così, anche perché Semplici ha il coraggio di tenere in campo due punte, mentre il Genoa perde un po’ di concentrazione. Al 15’, così, arriva il pareggio a sorpresa, in contropiede: rimpallo a centrocampo che favorisce Antenucci, passaggio perfetto a destra per Lazzari che, pure da posizione defilata, conclude con un diagonale perfetto sul secondo palo. Ballardini inserisce Taarabt, Rossi e Medeiros, ma il Genoa fatica a concludere e l’unica vera occasione viene da un tiro a giro di Medeiros fuori di poco.


 Alessio Da Ronch 

© riproduzione riservata