Ira Zidane: “Macché furto Si odia il Real, che è il top”

Zinedine Zidane, tecnico del Real Madrid. Ansa

Zinedine Zidane, tecnico del Real Madrid. Ansa

‘); }

Zinedine Zidane non ne può più. Ha ascoltato in silenzio tre giorni di parole (anche di fuoco), ora però replica a muso duro: “È una vergogna che si parli di furto. Sono molto deluso per quello che si dice. Non mi riferisco al rigore, è una questione di interpretazione, per me lo era e l’arbitro lo ha fischiato, ma basta parlare di furto. Ognuno può dire quello che vuole sul rigore – prosegue come un fiume in piena il tecnico del Real Madrid -, ma quando si parla di furto, la cosa mi indigna. Quello che stiamo facendo dà fastidio a molta gente. Ma difenderò i miei ragazzi, hanno fatto una partita enorme e abbiamo senza dubbio meritato di passare il turno”.

odio sul real — Il tecnico francese è convinto che ci sia “odio verso il Real ma nessuno cambierà le cose come nessuno cambierà la storia di questo club, il migliore al mondo. E quando sei il migliore, ci sono gelosie. Non mi sembrano normali queste polemiche, il rigore c’era, di che parliamo? La Juve ha fatto una grande partita, era sul 3-0, ma noi abbiamo avuto le nostre occasioni e con quel gol siamo andati in semifinale, quello che c’è stato nei tre giorni a seguire è troppo”. Una battuta anche sull’ex compagno di squadra in bianconero Gigi Buffon e sul suo polemico post partita: “Lo sfogo di Buffon? Quello che ha detto ha detto, era a caldo, ma noi abbiamo meritato di qualificarci per le semifinali”.


 Gasport 

© riproduzione riservata