Juve a +6 a sei dalla fine Non esiste rimonta così

I tifosi della Juve sono autorizzati a fare tutti gli scongiuri del caso ma che il vantaggio della squadra di Allegri sia un’ipoteca molto seria sul settimo titolo consecutivo lo dice la storia. Da quando la Serie A ha introdotto la regola dei 3 punti per la vittoria (1994-1995), in 23 campionati soltanto in 3 occasioni (con l’ovvia esclusione dei due tornei segnati da Calciopoli) chi si trovava davanti a 6 giornate dalla fine, si è trovato senza scudetto sulle maglie dopo l’ultima giornata. È accaduto nel 1998-1999 (Lazio sorpassata dal Milan), l’anno successivo (il riscatto dei biancocelesti in rimonta sulla Juve) e nel 2001-2002 (Inter superata dalla Juve e anche dalla Roma). In tutti e 3 i casi, però, il vantaggio della capolista a 6 tappe dalla conclusione era inferiore a quello di oggi: 4 punti per la Lazio nel 1999, 3 per la Juve nel 2000, 3 per l’Inter nel 2002. Non solo: in altre 5 occasioni è capitato che il vantaggio fosse proprio di 6 punti come oggi (l’ultima proprio due anni fa: Juve davanti al Napoli…) e sempre chi è arrivato sul rettilineo finale con questo vantaggio ha tagliato per primo il traguardo.

‘); }

festa a milano? A soffiare sul fuoco delle speranze del Napoli c’è lo scontro diretto in programma domenica prossima a Torino, ma proprio un eventuale successo in quella sfida potrebbe aggiungere al trionfo bianconero un ulteriore elemento di soddisfazione: festeggiare il titolo a San Siro contro quella che rappresenta storicamente la rivale numero uno in Italia, l’Inter. Il calendario propone nel turno infrasettimanale due impegni sulla carta non impossibili per le due rivali, il Napoli in casa con l’Udinese e la Juve a Crotone. Ipotizzando due successi, la Juve vincendo lo scontro diretto di domenica 22 allungherebbe a +9 a 4 giornate dalla fine e con il vantaggio nei confronti diretti. Basterebbe quindi per l’aritmetica un successo nel turno successivo che sabato 28 aprile vedrà proprio i bianconeri impegnati al Meazza contro l’Inter.


 Davide Longo 

© riproduzione riservata