Juventus, Dybala: «Le esclusioni mi hanno fatto lavorare di più»

TORINO – E ora chiamatelo Trybala. E’ uscito dallo stadio stringendo forte il pallone, di sicuro lo conserverà in un posto speciale nella sua personale bacheca. Paulo Dybala non dimenticherà facilmente il 2 ottobre, data della sua prima tripletta in Champions League. Prima uno splendido tiro al volo, poi due tocchi da rapace dell’area di rigore. In mezzo altre chance e in particolare un palo clamoroso. La Joya ha dominato la partita: «La squadra ha affrontato la partita con l’atteggiamento giusto – ha dichiarato a Sky l’argentino -. Ci potevano essere cali ma siamo stati bravi. Le panchine di inizio anno? Preferisco sempre giocare ovviamente. L’anno scorso ero partito con tanti gol, poi ero calato. Quest’anno invece le esclusioni mi hanno permesso di aumentare la concentrazione per fare il mio lavoro. Ronaldo? Con lui è più facile ma dobbiamo essere sempre concentrati quando c’è e quando non c’è. Oggi abbiamo giocato da grande squadra».