Khedira fa come la sua Juve Si gestisce e piazza lo scatto

Sami Khedira, 30 anni, calcia il pallone del 3-1 finale per la Juve. Afp

Sami Khedira, 30 anni, calcia il pallone del 3-1 finale per la Juve. Afp

‘); }

Come dice Max Allegri, “Voi giornalisti siete buffi. Uno sbaglia un rigore al 95’ e gli 8 diventano subito 4”. Sami Khedira fino al minuto 74 non aveva sbagliato dal dischetto, ma tutto quello che non ti aspetteresti da un giocatore del suo livello, già pilastro della Germania campione del mondo nel 2014 e vincitore della Champions 2014 col Real (solo per citare alcuni dei trofei vinti in carriera). Poi in 5’ abbondanti è passato da sicuro candidato alla palma di peggiore in campo a uomo decisivo. Al pari dei vari Dybala, Douglas Costa e Cuadrado.

QUANDO SERVE… — L’ex Real, 31 anni il 4 aprile, nel corso degli anni ha imparato a gestirsi alla perfezione. Sa che il suo fisico non gli consente più 50 partite a tutta. E fa come la Juve 2017-18, modello Miguelon Indurain al Giro: si gestisce, non dà una pedalata in più, pronto ad alzare l’asticella non appena serve. Sicuramente col Milan gli è anche scattato qualcosa dentro, quando lo Stadium ha perso la pazienza dopo l’ennesima palla buttata. E da lì si è presentato il vero Sami: assist tutt’altro che banale di sinistro per la testa di Cuadrado e gol del 2-1. L’azione che decide la partita, festeggiata con la rabbia di chi non sentiva di meritare i borbottii del suo pubblico. In quel gesto che zittisce i tifosi c’è tutta la grande fiducia in sé stesso che è tipica dei grandi. Sami ha vinto tutto nel calcio, è un ragazzo molto intelligente, parla 4 lingue con scioltezza. Facile che abbia pensato qualcosa tipo “dai, adesso questi li faccio star zitti io”. E siccome poi la testa nello sport è tutto o quasi, è arrivato anche il gol del 3-1, settimo in Serie A e stagionale.


PENSACI TU — Se potesse, Allegri non rinuncerebbe mai a lui. Di sicuro nei 180’ col Real sarà fondamentale. Ed è parecchio ragionevole pensare che martedì sera vedremo ben poco del Sami dei primi 74’ col Milan. Per caricare a pallettoni quelli come lui servono sfide stimolanti. E quella contro il suo Real lo sarà di sicuro. Penserà che quelli in maglia bianca sono gli stessi che hanno osato rifilargli 4 gol nemmeno un anno fa a Cardiff. E Allegri si potrà godere il vero Khedira.

Dal nostro inviato Jacopo Gerna 

© riproduzione riservata