Kimi: “È una buona Ferrari” Bottas: “Voglio il riscatto”

Finlandesi sotto i riflettori in Bahrain. Kimi Raikkonen e Valtteri Bottas per motivi diversi sono molto attesi in questa seconda gara del Mondiale. Il ferrarista è stato autore di un buon inizio di Mondiale, col secondo posto in qualifica e il podio in gara in Australia. Il connazionale della Mercedes deve invece riscattarsi dopo l’erroraccio in qualifica che gli è costato un avvio centro gruppo e un GP anonimo .

‘); }

lineare — Raikkonen è contento di come sta andando la Ferrari: “In Australia è stato un weekend lineare, avrei potuto fare di più ma va bene, c’è sempre qualcosa su cui lavorare, abbiamo potuto provare poco durante le prove, ma siamo stati abbastanza soddisfatti, il team ha lavorato bene e le gare sono così. Abbiamo portato a casa buoni punti e guardiamo avanti, la macchina fin qui ha funzionato bene”.


quel team radio… — “Il gap dalle Mercedes? Chissà, lo vedremo in gara, ora è inutile tirare a indovinare, noi faremo del nostro meglio – ha proseguito Kimi – quello che conta è andare bene in gara, a me non dispiacerebbe essere lontano in qualifica se poi domenica si vince”. Per quanto riguarda il team radio in cui a Melbourne in gara si è lamentato col team per la strategia (“Non fott…mi così!” n.d.r.), Kimi ha minimizzato: “Si parla sempre di tante cose, io in radio ho detto anche in passato diverse frasi, se ne si prende una e la si estrapola si possono inventare delle storie”.

parla bottas — Dal canto suo Bottas vuole voltare pagina in fretta. “L’Australia è già dimenticata – ha detto il pilota della Mercedes – non mi è rimasta molto in testa, non penso alla pressione extra che può gravare su di me. Semplicemente è stato un weekend negativo, ora vogliamo lavorare per fare meglio nelle prossime gare, a cominciare da questo GP. Qui la Ferrari va bene, di solito ha un buon passo gara e quindi penso saranno vicini a noi, ma più di questo non possiamo dire, lo vedremo”.

 Gasport 

© riproduzione riservata