La Juve vince ancora, è 1ª Roma shock: da 3-1 a 3-4!

I calciatori della Juventus esultano dopo un gol allo Young Boys

I calciatori della Juventus esultano dopo un gol allo Young Boys

‘); }

La Juventus ha fatto un acquistone dal Real Madrid. Ma, in prospettiva, ne ha fatto uno anche dal Barcellona. Nel giorno della prima partita saltata da Cristiano Ronaldo, ecco il primo gol dello spagnolo Pablo Moreno, il secondo della Primavera nel 2-1 contro lo Young Boys, quinta vittoria su cinque tra campionato e Youth League per i bianconeri di Francesco Baldini, attesi sabato dal derby contro il Torino. Né l’una né l’altra competizione sarebbero dedicate ai classe 2002 come Moreno: la Juventus, che per prenderlo dal Barcellona ha speso 3 milioni, lo ha però subito inserito nella rosa della Primavera. Troppo talento per restare con i coetanei. Moreno, che con le giovanili del Barça aveva segnato oltre 200 gol, al 22′ della ripresa ha preso palla a sinistra, ha saltato due avversari, si è accentrato e ha fatto partire un destro imprendibile per il portiere Neuenschwander. Non è soltanto il gol a far considerare Moreno un predestinato: ci sono i movimenti, il tocco di palla e l’intercambiabilità nei ruoli, quest’ultima condivisa con tutto il reparto offensivo della Juventus, formato da altri due giovanissimi, i 2001 Fagioli e Petrelli. Prima del raddoppio di Moreno, a sbloccare il risultato era stato un colpo di testa del difensore portoghese Joao Serrao, su angolo di Fagioli. Poco dopo il gol dell’1-0, allo Young Boys (che ha anche colpito un palo con Mambimbi) era stato annullato il pareggio per un fuorigioco di Ballet. Nel finale, qualche minuto di sofferenza dopo l’autorete di Anzolin, ma Juventus a punteggio pieno dopo due partite.

roma ribaltata — Seconda vittoria per la Juventus, seconda sconfitta per la Roma. Incredibile, quello che succede al Tre Fontane: i giallorossi, avanti di due gol e nel finale in 11 contro 10, vengono rimontati e battuti 4-3 dal Viktoria Plzen. Sblocca il risultato Simonetti, titolare per l’infortunio di Greco nel riscaldamento; pareggio di Mika, che sfrutta una delle tante disattenzioni di questo inizio di stagione della difesa giallorossa. Nel secondo tempo succede qualsiasi cosa: nei primi 5′, la Roma va sul 3-1 grazie a Bouah e al secondo gol in cinque giorni di D’Orazio. Accorcia Kepl, pareggia Pihrt, poi viene espulso Svoboda ma, nonostante la superiorità numerica, la Roma si fa beffare ancora da Kepl al 90′. Zero punti in due partite: per la qualificazione è già durissima.