Lazio, Correa ora è in pole Lulic al rientro da titolare

Correa abbracciato dai compagni durante il match di Europa League contro il Marsiglia . Getty

Correa abbracciato dai compagni durante il match di Europa League contro il Marsiglia . Getty

Ora Joaquin Correa ha rotto il ghiaccio pure all’Olimpico. Alla prima da titolare in casa, l’argentino si è svelato goleador contro il Marsiglia nella gara che ha dato alla Lazio la qualificazione ai sedicesimi di Europa League con due turni d’anticipo . Terzo sigillo stagionale dopo quelli di Udine e Parma. Anche questa volta ha segnato il secondo gol in una vittoria. Per 24enne argentino, arrivato in estate dal Siviglia dopo la partenza di Felipe Anderson e costato sui 19 milioni, può essere la svolta nella sua stagione. Non solo per il buon momento di forma evidenziato in Europa: oltre al gol, giocate di classe in velocità. Ma anche perché causa lo stop di Caicedo e la condizione non ancora al meglio di Luis Alberto, è scattato in pole nelle gerarchie dell’attacco per affiancare Immobile. Che comunque gli ha fatto da spalla nell’azione del gol al Marsiglia, fornendogli un assist prelibato. Così appare scontata la sua conferma dal primo minuto nella gara di domenica a Reggio Emilia contro il Sassuolo. “Voglio fare la differenza”, ha sottolineato al suo arrivo a Roma. Consapevole della forte concorrenza nel suo ruolo, ma anche deciso a sfruttare la grande chance di conquistare un posto da protagonista con la Lazio in quella Serie A conosciuta con la Sampdoria prima dell’esperienza in Spagna. “Grande partita, continuiamo a lavorare”, il suo entusiasmo su Instagram. Al termine della gara col Marsiglia ha spiegato: “Dall’inizio è più bello giocare, anche il mister lo sa. Ma quando vado in panchina sono comunque utile”.Un modo per non crearsi ansie e continuare a crescere con serenità alla scuola di Inzaghi.

RECUPERI — Alla ripresa degli allenamenti di questa mattina, ha lavorato col gruppo Lulic dopo l’affaticamento muscolare dei giorni scorsi. Il capitano tornerà dal primo minuto domenica. Ma si sono allenati con i compagni anche Leiva e Badelj, che hanno partecipato pure alla partitella finale. Le loro condizioni dopo i guai muscolari delle scorse settimane saranno tuttavia verificate nella rifinitura per evitare il rischio di qualche ricaduta. Così resta valida per la regia l’opzione Cataldi, titolare nelle ultime due gare. Out per la sfida col Sassuolo Caicedo, fermato da un risentimento all’adduttore sinistro.