Lewis: “Meritava Bottas” E gli fa posto sul podio

Hamilton incassa il successo di Sochi e ringrazia subito a caldo il compagno Bottas, che gli ha lasciato platealmente strada a metà gara, coprendone poi le spalle fino al traguardo. “È stato in realtà un giorno difficile per noi – dice Lewis -, Valtteri è stato un signore a farmi passare per ottenere una doppietta di cui di solito saremmo euforici. Bottas ha fatto un grandissimo lavoro e meritava di vincere: posso immaginare quanto sia difficile per lui, ma è stato davvero un grande sforzo di squadra. Nel finale non mi sentivo a mio agio per quanto stata succedendo, pensando al mio compagno, ma sarebbe stato peggio perdere il titolo per pochi punti. Da corridore non mi piace, ma un team funziona così, devi pensare agli obiettivi: è dura e difficile, ma devi pensare al target primario. È stata una decisione coraggiosa di squadra”. Poi, nel cerimoniale del podio, lo invita a salire sul gradino più alto al suo fianco, ricordando la scena di Zeltweg 2002 fra i ferraristi Schumacher e Barrichello.

‘); }

difficoltà — Bottas, dal canto suo, con una faccia che esprimeva tutto il suo disappunto, ha formulato dichiarazioni di maniera: “È stato un giorno difficile, abbiamo ottenuto un grande risultato di squadra e ognuno ha potuto vedere quanto sia stata dura la gara. Prima della gara noi prefiguriamo ogni tipo di scenario e Lewis è in lotta per il mondiale piloti e noi per quello costruttori. È dura accettare queste cose, non me lo aspettavo perché avevamo tutto sotto controllo, ma capisco il punti di vista della squadra: tutti vogliono vincere, ma ci sono anche esigenze prioritarie”.


l’input di wolff — L’antefatto risale nel finale di gara, circa quando Toto Wolff, il team principal Mercedes ha risposto in radio a Bottas, che si chiedeva cosa fare delle posizioni. “Restiamo così – ha detto Wolff in radio -, è un momento duro per te e per noi, abbiamo avuto problemi, ma ne parliamo dopo la gara”.

 Gasport 

© riproduzione riservata