Libere2, risveglio Vinales Poi Iannone-Petrux-Vale

Maverick Vinales. Epa

Maverick Vinales. Epa

‘); }

Da sempre Assen regala grandi sfide, e l’impressione è che anche questa edizione prosciugherà le emozioni degli spettatori. Anche il secondo turno del venerdì ha infatti regalato un grandissimo equilibrio, con quattro moto differenti nelle prime cinque posizioni di una classifica che ha visto Maverick Vinales precedere tutti con la Yamaha davanti alla Suzuki di Andrea Iannone, la Ducati di Danilo Petrucci, quindi la seconda M1 di Valentino Rossi e la miglior Honda di Cal Crutchlow.

vicini — Tutti vicini, i primi, e tutti subito velocissimi, in una top ten che alle spalle della Honda di Lucio Cecchinello vede incollate le due Ducati ufficiali di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo, quindi Marc Marquez, Alex Rins con la seconda Suzuki e infine Johann Zarco, caduto anche lui alla curva 9 come già era capitato a Lorenzo al mattino. Insomma, su questa pista che non ama troppo, è probabile che Marquez dovrà difendersi soprattutto dagli assalti di una Yamaha che vuole provare a tornare al successo dopo un anno di astinenza. Ma con anche la Ducati, molto a suo agio su questo tracciato, pronta a fare la voce grossa.


moto3 — In Moto3 il più veloce è Aron Canet: lo spagnolo stacca il tempo di 1’42″677 e precede di 138 millesimi l’argentino Gabriel Rodrigo e di 0″155 il britannico John McPhee. Il migliore degli italiani è Nicolo Bulega, 5° a 0″265, poi 6° Marco Bezzecchi e 9° Fabio Di Giannantonio.

moto2 — In Moto2 il più veloce è Francesco Bagnaia che con il tempo di 1’38″091 precede Mir di 0″100, Marini di 0″155 e Quartararo di 0″165. 5° Baldassarri (+0″280), 6° Pasini (+0″295) e 9° Fenati (+0″474).

Dal nostro inviato Paolo Ianieri 

© riproduzione riservata