Lo show di Tremolada Leader Di Gaudio e… Vota

Mengoni, Pomini, Di Gaudio e Tremolada

Mengoni, Pomini, Di Gaudio e Tremolada

‘); }

La coda si muove, in testa ci sono rallentamenti. Cambia la prospettiva, ma non la sostanza: c’è un gran traffico in questa Serie B. Tra le prime 10 della classifica solo il Parma centra la vittoria, le altre frenano tutte, anche se l’Empoli resta saldo al comando. In basso, invece, slanci salvezza per Ternana, Ascoli, Cesena e Avellino. Nessuno si vuole arrendere. Questo e molto altro nella 34esima giornata di Serie B. E non poteva mancare il contest organizzato dalla Lega B e dalla Gazzetta dello Sport che celebra tutte le settimane le azioni più belle della Serie B e che si concluderà con una finalissima a fine stagione. Ogni settimana, aiutati dai lettori, i giornalisti della Gazzetta dello Sport selezionano un giocatore per ogni categoria, valutando le azioni più belle della giornata appena trascorsa. La decisione finale spetta ai lettori, chiamati a votare sul sito. Ecco la diretta Facebook di Stefania Scordio e Marco Guidi.

CARISMA — Se il Palermo è riuscito a pareggiare contro il Pescara, il merito è soprattutto suo. Con un grande intervento, Alberto Pomini ha respinto il rigore di Brugman, una parata fondamentale per mantenere l’1-1 e piazzarsi al secondo posto. Con i suoi 37 anni, Pomini è il portiere più esperto della categoria. E il carisma di certo non gli manca…


CUORE — L’intervento al cuore l’ha costretto a un lungo stop, ma ora Andrea Mengoni si è ripreso alla grande. Oltre ad aver restituito solidità alla difesa bianconera, il difensore ha messo il timbro sulla vittoria contro il Carpi. Un gol speciale, il primo dopo l’operazione.

ENERGIA — Semplicemente incontenibile. Il Parma ha messo la freccia a sinistra con Antonio Di Guadio, che ha schiantato il Frosinone praticamente da solo. Si è procurato un rigore, ha siglato l’1-0 e poi ha raddoppiato con un guizzo fulmineo. Ora, con la sua energia, il Parma può meditare un altro sorpasso.

GENIO — Tris e tanto di cappello. Ma la vera ‘genialata’ di Luca Tremolada – alla prima tripletta in carriera – sta tutta nel gol da calcio d’angolo. Non un caso, perché gli era successo già lo scorso anno, sempre contro il Cittadella. A subire la rete anche in quel caso fu Enrico Alfonso, l’unico che avrà maledetto questo colpo di genio.

 Alessandro Pistolesi 

© riproduzione riservata