Lucas, ma non eri bollito? E ora si scopre goleador…

A marzo con l’arrivo della primavera è sbocciato Lucas Leiva. L’esperto centrocampista della Lazio ed ex Liverpool ha segnato due reti nelle ultime due presenze in Serie A, contro Bologna e Benevento. Sono tre su quattro se consideriamo anche le sfide di Europa League con Dinamo Kiev e Salisburgo. E così il brasiliano è diventato improvvisamente un uomo da Magic.

‘); }

numeri — Leiva non è mai stato uno dai grandi numeri sotto porta. Basti pensare che in Premier League ha segnato un solo gol in oltre 240 presenze. Questa quindi per lui è la migliore stagione della carriera sotto il profilo realizzativo. Fino a marzo Leiva era stato fondamentale per Inzaghi soprattutto in fase di non possesso. Recuperi e ripartenze veloci. Un compito ben preciso che l’ex Liverpool ha ricoperto alla grande. Come sottolinea la media voto stagionale: 6,24. In questa particolare classifica è il nono miglior centrocampista di tutta la Serie A. Ha la stessa pagella di giocatori più quotati alla Magic a inizio anno, per esempio Khedira o Nainggolan. Al fantacalcio invece la sua media è del 6,45 grazie ai due gol e a un assist alla ventunesima giornata contro il Chievo.


gol — Senza l’anticipo di Ceppitelli nella gara contro il Cagliari, probabilmente Leiva avrebbe realizzato tre gol nelle ultime tre giornate di Serie A. Ma l’autogol del difensore rossoblù ha fermato l’esultanza di chi lo ha scelto per la Magic. La crescita di Leiva all’interno della Lazio è sottolineata anche dalle azioni che lo hanno portato al gol nelle ultime settimane. Contro il Bologna ha dimostrato di essere un’alternativa con i suoi inserimenti, specie se servito da Luis Alberto, quando le difese avversarie chiudono le opzioni di passaggio per gli esterni o per Immobile. Contro il Benevento ha segnato con un bel tiro da fuori mentre contro la Dinamo Kiev in Europa è andato a rete sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

magic — La domanda degli appassionati di fantacalcio è: Lucas Leiva può essere un investimento per la parte finale di stagione o si tratta solo di un fuoco di paglia? Il calendario dei biancocelesti da qui alla fine non è semplice. Ci sono il derby, la Fiorentina e l’Inter, tra le altre. Ed è probabile che in queste sfide Leiva dovrà concentrarsi più sul lavoro sporco che sui bonus. Per la Lazio però sono settimane cruciali e come dimostrano le ultime gare Inzaghi conta molto sull’abilità di Leiva negli inserimenti per sbloccare gli incontri più chiusi.

 Roberto Pinna 

© riproduzione riservata