Marc: “Sepang pista dura ma lo era pure Motegi…”

L’incidente in Australia “è stato un peccato”, ma non ferma la sua voglia di vincere. Marc Marquez conferma di aver ancora fame, che baratterebbe di certo “di vincere negli anni prossimi altri titoli a Motegi per poi ritirarsi puntualmente a Phillip Island” e di aspettare con interesse come sarà il rendimento della sua Honda in Malesia.

‘); }

il botto con zarco — “L’incidente con Zarco in Australia è stato un episodio di gara, lui forse non ha frenato nel punto giusto ed è stato risucchiato dalla scia, ma mi ha chiesto scusa – dice Marquez -. Come dinamica mi ha ricordato il mio volo al Mugello anni fa, ma lì mi buttai giù dalla moto mentre vedevo il muro che si avvicinava…Ci sono molte variabili in questo sport: è un peccato per la gare, ma è stata una fortuna che io e Zarco non ci siamo fatti nulla”.


sepang, si può fare… — La gara di domenica a Sepang, dove Dovizioso vince da due anni di fila, non pare fra le più adatte alla sua Honda: “In genere qui siamo sempre andati bene, ma le condizioni sono diverse rispetto ai test invernali e la moto è cambiata, vedremo – analizza Marc -. Le Ducati qui vanno forte e questo non è forse il nostro miglior circuito, ma lo era anche Motegi.. Cercheremo di partire bene e vedremo se potremo lottare per il podio, per la top five o per la vittoria”.

 Gasport 

© riproduzione riservata