McLaren: ritorna Pat Fry Sarà capo degli ingegneri

Prosegue l’opera di ristrutturazione tecnica della McLaren, che annuncia l’ingaggio di Pat Fry come capo degli ingegneri. Per il tecnico britannico si tratta di un ritorno, visto che dopo gli inizi in F.1 con la Benetton come tecnico delle sospensioni (1987-1993) ha già lavorato in McLaren dal 1993 al 2010 per poi passare anche alla Ferrari (fino al 2014) e la Manor.

‘); }

ribaltone tecnico — Dopo un’altra stagione difficile, che ha seguito le tre annate disgraziate targate Honda, a Woking hanno ribaltato l’organizzazione tecnica: via il racing director Eric Boullier, il direttore tecnico Tim Goss e quello dell’ingegneria Matt Morris e dentro Gil de Ferran (nuovo direttore sportivo), Andrea Stella (responsabile delle prestazioni e operazioni in pista) e James Key (direttore tecnico), arrivo però congelato in attesa di trovare un accordo con la Toro Rosso.


cambio piloti — La McLaren nel tentativo di recuperare competitività ha annunciato anche il cambiamento integrale dei suoi piloti con gli arrivi, dal 2019, di Carlos Sainz e del 18enne Lando Norris, al posto di Fernando Alonso, che lascia la F.1, e Stoffel Vandoorne.

 Gasport 

© riproduzione riservata