Milan, emergenza attacco Pipita e Cutrone a rischio

I problemi per Rino Gattuso proseguono anche dopo il pareggio di Empoli, maturato dopo l’ennesima rimonta subita. Il tecnico del Milan, infatti, non è per nulla certo di poter contare sulle sue bocche da fuoco principali nel match di domenica sera sul campo del Sassuolo. Partiamo da Gonzalo Higuain, già assente al Castellani: oggi allenamento differenziato per il Pipita, alle prese con un guaio muscolare (con interessamento di una vecchia cicatrice) che obbliga lo staff medico alla prudenza. Difficile che venga rischiato a Reggio Emilia. Più probabile che ce la faccia Patrick Cutrone: giocherebbe sicuramente dall’inizio se non avvertisse ancora fastidi alla caviglia sinistra. Ieri, a Empoli, nei minuti di utilizzo ha zoppicato parecchio. Se Cutrone dovesse partire di nuovo dalla panchina, il ruolo di attaccante centrale nel 4-3-3 toccherebbe a Fabio Borini, apparso però in difficoltà al Castellani.

‘); }

Gonzalo Higuain, 30 anni. Ansa

Gonzalo Higuain, 30 anni. Ansa

dirigenza a milanello — Intanto, alle 15 la dirigenza rossonera al completo s’è presentata a Milanello: c’erano Leonardo e Maldini, insieme al presidente Scaroni e a Gordon Singer, figlio di Paul, a nome del fondo Elliott. Proprio Singer Jr ha consegnato a Suso una medaglietta celebrativa per le 100 gare in rossonero. I dirigenti hanno rivolto un saluto alla squadra, senza discorsi particolari, manifestando così la loro vicinanza a Gattuso e ai giocatori in questo momento delicato.


 Gasport 

© riproduzione riservata