Milano vince il derby, Venezia tiene il passo. Trento vede i playoff

Serie A
Milano vince il derby, Venezia tiene il passo. Trento vede i playoff
© CIAMILLO

I risultati del ventiseiesimo turno di Serie A

ROMA – Continua la striscia vincente dell’EA7 Milano che si aggiudica il sentitissimo derby contro la Red October Cantù 98-93 e porta a casa il nono successo consecutivo: i biancorossi, spinti ad Goudelock (22 punti) e dalla sostanza di Gudaitis (16 punti), hanno tenuto le redini del match saldamente nelle mani per i primi tre quarti chiusi a +11 (74-63) e poi hanno saputo resistere all’assalto finale dei canturini a cui non sono bastati i 26 punti di Smith e i 20 di Culpepper. Nel frattempo la Reyer Venezia mette una seria ipoteca sul secondo posto battendo la Germani Brescia 68-61: gli orogranata, guidati da Haynes (15 punti) e da Peric (14 punti e 5 rimbalzi), hanno sempre comandato le operazioni chiudendo di fatto la pratica poco dopo l’intervallo quando hanno scollinato la doppia cifra di vantaggio. Un ko che potrebbe costare caro alla Germani – che aspetta l’esordio del nuovo arrivato Bryce Cotton e a cui non sono bastati i 16 puni di Michele Vitali – visto che la Sidigas Avellino dietro procede spedita: gli irpini hanno infatti spazzato via la Victoria Libertas Pesaro 103-81 al termine di un match rimasto in bilico per poco più di un quarto: le giocate di un indemoniato Jason Rich (31 punti) hanno fatto la differenza agli irpini di scollinare la doppia cifra di vantaggio già nella seconda frazione. Un cuscinetto di vantaggio che è poi via via aumentato fino al +22 finale.

OK TRENTO, SASSARI E VARESE – In chiave playoff è stato invece a dir poco prezioso il successo della Dolomiti Energia Trentino che ha sbancato Cremona 96-89: dopo un primo quarto concluso sul 17 pari, i bianconeri hanno preso il largo sospinti dai canestri di Sutton (14 punti e 12 rimbalzi), Gomes (12 punti) e Flaccadori, che hanno propiziato il 27-17 che ha fatto scivolare a -10 una Cremona che nonostante i 20 punti di Sims, i 18 di Fontecchio e i 17 di Johnson-Odom non è più riuscita a stare in partita. Un posto tra le prime otto al momento lo hanno però guadagnato anche la Dinamo Sassari, che nel lunch match ha piegato Pistoia 80-69 grazie al fatturato offensivo del tridente composto da Hatcher (20 punti), Bostic (16) e Bamforth (14), e la Openjobmetis Varese che ha vinto 80-73 un match dai mille volti contro Reggio Emilia: i lombardi, dopo essere partiti con un clamoroso 28-10 propiziato dai 9 punti nei primi 10 minuti di Okoye, hanno infatti subito il rientro di Reggio che nei due quarti centrali ha risposto con un parziale complessivo di 49-27 che è valso il +4 esterno al suono della terza sirena (59-55). Nei 10′ conclusivi però Avramovic (21 punti), Cain e Larson hanno ripreso il giusto bandolo della matassa conducendo Varese alla vittoria.