Montezemolo: “Monza? Avrei copiato la Mercedes”

Il GP d’Italia e il deludente risultato per la Ferrari non è piaciuto a Luca Montezemolo. L’ex presidente del Cavallino, che ha guidato dal 1991 al 2014, ha criticato in particolare la mancata esecuzione di un gioco di squadra tra Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel, elogiando invece la Mercedes che ha ordinato a Valtteri Bottas di aiutare Lewis Hamilton.

‘); }

È storia — “Ho vinto alcuni Mondiali in questo modo – ha detto in un’intervista alla BBC – ai tempi di Kimi e Massa, di Barrichello e Irvine con Schumacher. Fa parte della storia. Bottas non ha fatto niente di scorretto o sbagliato. Ha fatto la sua gara come la Mercedes. Alla guida della Ferrari, nelle condizioni della Mercedes, avrei fatto la stessa scelta”.


il sedile di kimi — Dietro alla “resistenza” di Kimi Raikkonen su Sebastian Vettel nelle prime due curve c’è verosimilmente la situazione contrattuale che lo vede in lotta con Charles Leclerc per il sedile accanto a Vettel nel 2019. Montezemolo la pensa così: “Quando ero alla Ferrari non mi piaceva avere gente che da fuori mi dicesse cosa fare e quindi farò lo stesso. Posso solo dire, a livello di opinione personale, che a un certo punto della stagione, di solito vicino a Monza, è una buona cosa annunciare le guide per l’anno successivo, e questo per evitare condizionamenti psicologici nei piloti”.

brutti fischi — Montezemolo ha anche criticato i fischi dei tifosi ai piloti Mercedes sul podio: “Non mi sono piaciuti – ha detto – Hamilton è un campione fantastico, sempre corretto, e ha fatto una grande gara . Punto. Nella vita è difficile vincere, ma ancor più difficile accettare di non vincere. E quindi non mi è piaciuto quello che ho visto da parte del pubblico”.

 Gasport 

© riproduzione riservata