Neymar-show e il Psg cammina sulla Stella Rossa. Schalke corsaro a Mosca

ROMA – Sontuosa partita dei parigini che stendono lo Stella Rossa 6-1. Superiori sotto ogni aspetto, basterebbe Neymar ad archiviare la pratica: il brasiliano sigla una splendida tripletta, con due gol su punizione, lanciando un avvertimento a Klopp. Di Cavani, Di Maria e Mbappè le altre reti che valgono il momentaneo aggancio al Liverpool in testa al girone, in attesa del match del San Paolo. Pesante tonfo della Stella Rossa che dopo aver resistito per novanta minuti al Napoli di Ancelotti, dopo venti minuti è già al tappeto. Fermi a 1 punto, si complica ora il cammino dei serbi. Nell’altro match del pomeriggio importante colpo dello Schalke che supera la Lokomotiv Mosca al 88′ grazie al gol di McKennie.

GRUPPO C

PSG-Stella Rossa 4-0: Neymar 20′, 22′ (P), Cavani 37′ (P), Di Maria 41′ (P), Mbappè 70′ (P), Marin ’74 (S) ,  Neymar 81′ (P) 
Tabellino e statistiche

Alla ricerca di punti per raddrizzare la propria classifica dopo la sconfitta con il Liverpool, i parigini parcheggiano fin da subito la loro manovra nella metà campo serba. Al 20′ Neymar sale in cattedra deciso a chiudere la pratica già agli arbori del match: prima sblocca il risultato con una punizione da fuoriclasse disegnando una parabola imprendibile sotto il sette, poi, due minuti dopo, raddoppia ribadendo in rete un assist di Mbappè. C’è gloria anche per Cavani, suo il gol del 3-0 con un’azione personale in area di rigore, e per Di Maria, imbucato da Meunier per il poker. Nella ripresa dilaga il Psg, Mbappè firma la manita col piattone e Neymar, dopo l’inutile gol della gloria di Marin, si inventa un’altra punizione magistrale per il definitivo 6-1.

GRUPPO D

Lokomotiv Mosca-Schalke 04 0-1:  McKennie 88′ (S)
Tabellino e statistiche

Importante colpo esterno dello Schalke 04 sul campo della Lokomotiv. Partita poco spettacolare, con poche occasioni tra due squadre in grande difficoltà realizzativa: appena tre gol per i tedeschi e dieci per i russi in nove partite. Il gol del successo per il club di Gelsenkirken lo firma a due minuti dalla fine lo statunitense McKennie, regalando la vetta solitaria del girone ai danni del Galatasaray.