“Noi guariti? Non ancora Ma ora vinciamo il derby”

Luciano Spalletti, dopo la vittoria netta col Verona, si dice soddisfatto della prova della sua Inter. Ma non si accontenta. “Abbiamo avuto un impatto forte sulla partita, era quello che dovevamo fare – ha dichiarato ai microfoni di Mediaset Premium – poi abbiamo gestito sprecando poche energie: abbiamo fatto tutto bene, eccetto qualche finalizzazione e qualche imbucata negli ultimi 16 metri. Davanti potevamo fare qualcosa di più”.

‘); }

Luciano Spalletti, 59 anni.

Luciano Spalletti, 59 anni.

periodo nero archiviato? — Il tecnico nerazzurro invita però a non abbassare la guardia: “Non si può dire, però, che siamo guariti – ha aggiunto – siamo una squadra che ha ancora dei momenti un po’ così. Dobbiamo rimanere concentrati e vogliosi e determinare giorno dopo giorno il nostro futuro. Io non mi sento né dottore né medicina: sono semplicemente l’allenatore di una squadra forte ma che in alcuni momenti perde la qualità che ha e io devo solo pensare a dare soluzioni per stabilire la giusta condotta e far dare il meglio a tutti. Dobbiamo rimanere belli attivi, perché il campionato ha ancora da dire molte cose”. L’allenatore ha parole d’elogio per Rafinha (“Occupa bene gli spazi, gioca tra le linee, dialoga, inventa”) e Brozovic: “In quella posizione (mediana con Gagliardini, ndr) gioca bene. Ho sbagliato io a non accorgermene prima”.


icardi e il milan — Spalletti rassicura sulle condizioni di Icardi uscito un po’ acciaccato: “I calciatori, a questo punto del campionato, hanno tutti un po’ di accumulo di fatiche, ma lui sta benissimo, anzi avrebbe voluto continuare a giocare e dare una mano alla squadra. Lui in Nazionale? Non ho dubbi che sarà convocato, uno che finalizza tutte o quasi le occasioni che ha, può far comodo. Poi se Sampaoli non lo porta a me fa comodo: così rifiata”. L’allenatore infine commenta il derby di mercoledì: “Non firmo per un pareggio con il Milan: proveremo a vincere, come faranno anche i nostri avversari, perché siamo due squadre forti”.

 Gasport 

© riproduzione riservata