Padova show dopo il 90′ Beffa Pescara: da 2-0 a 2-2

Il primo gol di Gaston Brugman. Lapresse

Il primo gol di Gaston Brugman. Lapresse

‘); }

Dal sogno della vetta della classifica alla beffa del pari. Il recupero della sesta giornata della Serie B, posticipato ad oggi alle 17.30 dopo il rinvio per pioggia richiesto dall’arbitro Volpi ieri sera, lascia l’amaro in bocca al Pescara. La formazione biancazzurra viene stoppata 2-2 dopo essere andata avanti di due reti, e vede così svanire la chance di superare in classifica l’Hellas Verona. E invece il Padova rovina i piani degli abruzzesi, lanciati dai gol su calcio da fermo di Gaston Brugman e Leonardo Mancuso e ripresi dalle reti di Andrea Cisco e Daniel Cappelletti. Per i veneti si tratta di un punto utile a smuovere la classifica.

PRODEZZA — La sfida dell’Euganeo ribadisce che le partite si decidono anche grazie alle prodezze dei singoli. I padroni di casa non demeritano nel primo tempo, quando il 3-4-1-2 del tecnico Pierpaolo Bisoli ingabbia il fraseggio degli abruzzesi di Giuseppe Pillon. A rompere l’equilibrio però ci pensa Brugman al 26’ con una punizione perfetta calciata sul secondo palo. Il Padova accusa il colpo e non trova le contromisure. La situazione peggiora per i veneti quando nella ripresa lo stesso Brugman viene atterrato in area. Mancuso supera Merelli dal dischetto e al 50’ è già 2-0. I padroni di casa tentano di rifarsi ma la porta di Fiorillo pare stregata. Però, quando tutti sembrano ormai certi della vittoria degli ospiti, arriva la super rimonta dei biancorossi che al 90’ accorciano le distanze con una sassata imprendibile di Cisco e, dopo un’altra grande parata di Fiorillo al 93′, pareggiano il conto con un clamoroso colpo di tacco di Cappelletti al 95′.


 Gasport 

© riproduzione riservata