Paloschi illude la Spal Defrel rilancia la Samp: 2-1

L’esultanza di Linetty dopo il momentaneo pareggio. Lapresse

L’esultanza di Linetty dopo il momentaneo pareggio. Lapresse

‘); }

Torna al gol Defrel, torna a vincere la Samp (2-1), in affanno negli ultimi venti minuti contro la Spal, in una partita equilibrata. Ha deciso Quagliarella con esperienza e qualità: non ha segnato, ma ha mandato in gol i compagni, e la Samp può rilassarsi, ha superato il tour de force, come lo aveva definito il suo allenatore Giampaolo, e ha raggiunto la colonna nobile della classifica. Presto per dire qualsiasi cosa, ma ora si può proseguire tranquilli. Quanto alla Spal, non sono arrivati punti, ma la conferma di una solidità notevole: i buoni propositi di salvezza sono fondati, non a caso gli uomini di Semplici hanno lottato per il pareggio fino alla fine.

il ribaltone — Si comincia subito con un’azione Defrel-Barreto, poi c’è ancora Barreto, ma in fuorigioco. È la Spal a colpire per prima, con un tiro sbagliato di Lazzari che diventa un’ottima palla gol per Paloschi. Il centravanti, attivissimo fino al momento della sostituzione, non sbaglia e porta in vantaggio i suoi al 21′: passano soltanto quattro minuti, e il trio Defrel-Quagliarella-Linetty confeziona il pareggio. La partita va avanti in equilibrio per tutto il primo tempo, nel secondo la Samp accelera e Defrel coglie il vantaggio che schioda Giampaolo dalle sue paure: il merito della rete di Defrel però è ancora una volta per metà di Quagliarella, che tira, trova pronto Gomis, coglie il pallone ribattuto e rilancia il compagno. Dopo il 2-1 la Samp, stanca, perde campo, potrebbe segnare ancora, ma rischia in più occasioni. Audero è bravo su Petagna in un paio di situazioni. Le gambe sono stanche, ma la concentrazione regge: così arrivano i tre sospirati punti.


Dalla nostra inviata Alessandra Bocci 

© riproduzione riservata