Paratici: “Pogba? Non parlo CR7 si è integrato bene”

Fabio Paratici posa con la coppa dello Scudetto. GETTY

Fabio Paratici posa con la coppa dello Scudetto. GETTY

‘); }

Un’altra Coppa, che stavolta però alza al cielo tutto da solo. Fabio Paratici, a margine della Coppa d’Oro a Piacenza (presente all’evento anche il presidente del Torino, Urbano Cairo), ha raccontato la sua storia di dedizione e determinazione, ma soprattutto della sua costante crescita dal punto di vista professionale. Il culmine? Sedersi alla destra di Cristiano Ronaldo, nella prima conferenza stampa del portoghese da giocatore della Juventus. “Ma la vittoria non è solo frutto del mercato, è tutta del lavoro di questa società – ha commentato il ds bianconero a Radio RMC -. Siamo da otto anni insieme, il presidente è il numero uno dell’Eca, Marotta è diventato il dirigente dell’anno… anche questa stagione è iniziata alla grande”.

il colpo — Sul curriculum ha piazzato acquisti di spessore, anno dopo anno sempre più grandi. CR7 è la ciliegina. “L’intuizione non è stata solo mia, anche di Nedved e Marotta. Siamo partiti dalla disponibilità di Allegri e di Agnelli. Cristiano si è integrato facilmente: è un grande campione, dentro e fuori dal campo”, ha raccontato Paratici. Che su questa squadra non ha dubbi: “Difficile fare paragoni con le altre squadre avute. Ci sono sempre stati grandi giocatori: Buffon, Pirlo, Tevez, Pogba…”. Ecco, a proposito del francese l’espressione è diversa: “Resta un giocatore dello United, finché lo è meglio non parlarne”.


dybala e fagioli — Con il Bologna è tornato al gol anche Paulo Dybala, un patrimonio della Juventus: “Importante il ritorno alla rete, ma resta un grande giocatore e l’ha dimostrato in questi anni. Non poteva essersi dimenticato come si giocava. Noi notiamo sempre come si comporta con i compagni, con la squadra”. Ed è impossibile non notare anche la crescita di Fagioli: “Dipenderà tutto da lui, difficile fare previsioni su un ragazzo di 17 anni – chiosa il direttore -. Non dobbiamo mettergli pressione, sa bene come comportarsi”.

 Gasport 

© riproduzione riservata