Pasquini lascia la panchina di Sassari. Ora tocca a Markovski?

Serie A
Pasquini lascia la panchina di Sassari. Ora tocca a Markovski?

Pasquini ha annunciato le proprie dimissioni da coach ma resterà come general manager. In giornata sarà annunciato l’allenatore macedone

ROMA – La notizia era nell’aria da giorni e pochi minuti fa è arrivata anche l’ufficialità: coach Federico Pasquini ha rassegnato le dimissioni da allenatore della Dinamo Sassari. La goccia che ha fatto traboccare il vaso portando Pasquini a questa drastica decisione è stata la sconfitta patita dai sardi contro Brindisi domenica scorsa«Quello che è successo mi ha letteralmente devastato. Brindisi è lo specchio di qualcosa in cui se sei una persona responsabile, e io lo sono sempre stato, e se tieni alla società, e credo di averlo sempre dimostrato, non puoi non fare qualcosa. Quando lavori 24 ore al giorno sulle rimesse laterali e sui tanti dettagli, tra cui quelli difensivi, ma arrivi a una partita del genere in cui sei riuscito a girarla dal -14 a +7 ma a un minuto e mezzo dalla fine fai errori banali – come una non difesa o quella sanguinosa rimessa o non riesci a mettere la palla in campo, dopo aver lavorato a lungo con giocatori esperti – è necessario mettersi davanti allo specchio e fare un’analisi. Io sono convinto del potenziale di questa squadra, altrimenti non avrebbe recuperato 14 punti a Varese o a Brindisi non avrebbe trovato quel break, in quella condizione ambientale. Nel momento in cui ti metti davanti allo specchio ci pensi, ci ragioni – sono molto legato al presidente e al contesto Dinamo, sono prima di tutto degli amici e poi dei datori di lavoro – ma un tarlo è entrato in testa, quello dei finali punto a punto, e non lo puoi più accettare. Non potevo più accettare che il tarlo fosse legato alla mia presenza, il panico che ci prende nel momento in cui siamo punto a punto non è allenabile e quindi mi metto da parte. Faccio un passo indietro e penso che un’altra voce, un’altra fisicità possa dare la possibilità a questo gruppo di giocarsi l’ingresso nei playoff. Siamo nella condizione di essere padroni del nostro destino, siamo settimi a due punti dal quinto posto. Da oggi ci sarà una nuova guida tecnica, io torno a fare il general manager: la cosa positiva è che il prossimo anno avremo un nucleo solido già pronto. Ci tengo a ringraziare tutti, ho trovato grande disponibilità e ci tengo a ringraziare il mio staff e tutti i giocatori per quello che mi hanno dato». 

IN ARRIVO MARKOVSKI – Ora come detto Pasquini, che era subentrato in panchina dopo l’addio di Meo Sacchetti, resterà in seno al club continuando a ricoprire le vesti di general manager e la panchina, a meno di clamorose sorprese dovrebbe essere affidata a Zare Markovski che dovrebbe essere annunciato già in giornata dal presidente Sardara. Per Markovski si tratta di un ritorno in biancoblu visto che è già stato allenatore nek triennio 1991-1994.