Pescara, vittoria e 1° posto Foggia-Ascoli: 3-2 show

L’esultanza del Pescara dopo il gol del 2-1. LaPresse

L’esultanza del Pescara dopo il gol del 2-1. LaPresse

‘); }

Dopo la vittoria del Lecce a Verona nell’anticipo del venerdì, il sabato della settima giornata di Serie B regala al campionato cadetto una nuova capolista. È il Pescara che allo Stadio Adriatico vince il big match contro il Benevento (2-1). Vittoria importante anche per il Foggia (3-2) con l’Ascoli, nella partita più divertente del pomeriggio. Pareggio senza emozioni (0-0) in Cremonese-Salernitana. La sfida salvezza tra Carpi e Cosenza termina 1-1. Alle 18 Perugia-Venezia.

pescara-benevento 2-1 — Il Pescara parte fortissimo e subito al 10’ si vede annullato un gol. Monachello s’invola in area di rigore e mette in porta con un bel pallonetto, ma l’arbitro annulla per fallo dell’attaccante su Antei. Al 16’, ancora Monachello scatta sulla fascia destra, mette la palla arretrata per Mancuso che calcia ma non riesce ad angolare. Passano 12’ e i biancazzurri colpiscono un palo con un colpo di tacco di Marras dal limite dell’area piccola. Al 37’ arriva il meritatissimo gol del Pescara. Calcio d’angolo dalla destra, Mancuso anticipa tutti sul primo palo e incorna l’1-0. Al 50’ il Benevento rimette le cose in equilibrio con una punizione fantastica di Viola. Il Pescara non ci sta e reagisce subito con il gol di Machin al 52’ che batte Puggioni con un rasoterra angolatissimo. I biancazzurri salgono a 15 punti in classifica e staccano il Verona di 2 punti. Per il Benevento, seconda sconfitta consecutiva dopo quella interna contro il Foggia.


cremonese-salernitana 0-0 — La prima occasione del match arriva al 4’ con una bella rovesciata di Jallow che finisce alta. La partita scorre via noiosa con pochissime occasioni degne di nota. Nei minuti finali della prima frazione, la Cremonese va all’assalto della porta granata senza riuscire però a rendersi pericolosa. Al 49’ la grandissima occasione capita sulla testa di Paulinho che si avventa sul cross di Mogos, trovando la risposta pronta di Micai. La Salernitana bussa alla porta della Cremonese al 59’ con un destro di Castiglia da fuori che trova la parata splendida di Radunovic in allungo. Secondo 0-0 consecutivo per la Cremonese che resta comunque imbattuta. Punto importante, invece, per la Salernitana.

foggia-ascoli 3-2 — Partita frizzantissima allo Stadio Zaccheria con gli ospiti che al 5’ si portano subito in vantaggio con Brosco che colpisce di testa e la piazza dove Bizzarri non può arrivare. Il Foggia ci mette 5’ a pareggia con Deli che a giro la mette nell’angolino. Passano altri 3’ e rossoneri la ribaltano. Conclusione da fuori di Busellato, Perucchini è super ma Galano è prontissimo a ribadire in gol. Le emozioni non sono finite e al 28’ arriva il 2-2 dell’Ascoli con il primo gol in maglia bianconera per Ganz che torna a segnare dopo un anno e mezzo. Anche nella ripresa le due squadre non si risparmiano e al 71’ è Gerbo a portare il Foggia sul 3-2 approfittando di un’azione confusa in area. I rossoneri salgano a 4 punti e, senza gli 8 di penalizzazione, ora sarebbe nelle zone nobilissime della classifica.

carpi-cosenza 1-1 — Primo tempo equilibrato tra due squadre che sembrano più concentrate a non perdere che a vincere la partita. Sono i padroni di casa a provare qualcosa in più. Pronti via e nella ripresa il Carpi passa. Jelenic calcia da fuori, Saracco goffamente non trattiene e sul pallone si avventa Mokulu che di tacco serve un liberissimo Pasciuti per l’1-0. All’89’ arriva l’inaspettato pareggio del Cosenza con un gol pazzesco di Baez che sorprende Colombi direttamente dalla linea di fondo. Termina 1-1, un risultato che fa felice il Cosenza con il Carpi che ha tanto da rimuginare.