Pioli: “Servono gol e vittorie Ma attenzione al Frosinone”

Stefano Pioli, 53 anni. Getty

Stefano Pioli, 53 anni. Getty

‘); }

“Vogliamo tornare a vincere”. Non gira intorno all’argomento Pioli, considerando che l’ultima vittoria viola è datata 30 settembre. Domani la Fiorentina proverà ad interrompere il trend a Frosinone. “I tre punti ci mancano, siamo ambiziosi: ed è giusto che, pur essendo così giovani, sentiamo la responsabilità di voler vincere”. Poi sugli avversari. “Troveremo una squadra motivata, pronta, che vuol continuare nel proprio momento positivo. Hanno sofferto il salto di categoria, poi hanno trovato compattezza ed equilibri migliori. Rispetto alle gare contro il Torino e la Roma noi possiamo fare meglio dal punto di vista della qualità tecnica e dei passaggi, mentre abbiamo fatto benissimo dal punto di vista mentale e della lotta”. pjaca — I pochi gol del reparto offensivo sono tema sempre sensibile. E così vengono analizzati anche i singoli. Partendo da Pjaca: “E’ un giocatore di qualità che va atteso. Mi aspetto molto, l’ho visto bene in settimana, sta tornando a buoni livelli fisici. Vuole e può dare di più ed è quello che tutti, lui compreso, si aspettano”.

chiesa — “Federico per me è un attaccante esterno che può accentrarsi più che un centravanti. L’azione dove abbiamo sbagliato il 2-0 contro la Roma è la sua preferita. Quando parte da sinistra è più portato ad andare a concludere, da destra invece va più al cross”.


simeone — “Capisco che per lui e per voi il gol sia importante, ma la prestazione contro la Roma è stata molto buona, simile a quelle dello scorso anno e molto migliore delle precedenti. Ha avuto due occasioni, in una ha conquistato il rigore, nell’altra non ha sfruttato la chance. Diventerà un attaccante molto forte, passare momenti delicati dal punto di vista delle realizzazione ci sta”.

nessun gol dalla panchina — “Non è un buon dato, possiamo far meglio. E’ importante non sbagliare formazione titolare, ma chi entra a gara in corso è altrettanto importante e da qui dobbiamo trovare più vantaggio. Mercato? Ora abbiamo una partita importante, magari dopo la sosta faremo il punto della situazione con i dirigenti”.

tas — Il tecnico viola glissa sulle polemiche degli ultimi giorni in merito alla mail mandata in ritardo dalla Fiorentina nei giorni caldi prima del pronunciamento del Tas sul ricorso del Milan. “Per me la situazione Europa è finita il 19 luglio scorso, dalla sentenza del Tas è partita un’altra stagione e l’Europa vogliamo conquistarla in campo. Chi dice che sono un uomo solo e non tutelato dalla società, non dice la verità. La società ha grande rispetto per me e mi ha detto che ha sempre fatto tutto il possibile sulla vicenda. A prescindere dalla tempistica della mail mandata, non sarebbe cambiato nulla”.

veretout — Convocazione in Nazionale per il forte centrocampista viola. “E’ una sua vittoria, sono contento davvero per Jordan, la nazionale francese ha una qualità incredibile oltre ad essere Campione del Mondo. Non ha mai indietreggiato di un centimetro, complimenti a lui ed alla società che lo ha scelto. Conoscendolo, non si accontenterà di questa convocazione”.

 Giovanni Sardelli 

© riproduzione riservata