Roma, Alisson giura fedeltà Pronto un maxi-ingaggio

Alisson Becker, 25 anni. AFP

Alisson Becker, 25 anni. AFP

‘); }

Dice Alisson alla Tv della Roma: “Non sono insostituibile”. Magari sarà anche vero, ma per il club giallorosso il neo capitano del Brasile (ha indossato la fascia nell’amichevole vinta contro la Russia) lo è e quindi, pur guardandosi intorno per cercare un suo vice, è in arrivo un contratto da top player. Salvo colpi di scena – leggi offerte dai 60 miloni in su del Real Madrid o del Liverpool -, Alisson resterà a Trigoria anche il prossimo anno, con un ingaggio da 4 milioni fino al 2022 e una parte importante di diritti d’immagine da poter gestire in modo autonomo. Per Monchi, dopo neanche un anno da titolare, è uno dei leader della squadra, ma lui preferisce l’umiltà: “Lavoro sempre per fare meglio e aiutare i miei compagni a vincere, voglio ottenere un titolo qui perché la squadra lo merita, lavora tanto e io vorrei far parte di questo”.

difficoltà — Il rapporto con la Roma non è stato semplice: pur trovandosi benissimo in società e in città (dove è nata sua figlia Helena), Alisson ha sofferto la scelta di Spalletti di preferirgli Szczesny lo scorso anno. Fosse rimasto il polacco sarebbe andato via, adesso è invece il riferimento totale di Di Francesco, che ha lasciato a Skorupski solamente la partita di Coppa Italia contro il Torino: “Non è stato facile, ma ora va tutto al 100% – racconta il brasiliano -. Lo scorso anno mi ha aiutato la fede, avevo sempre la testa alta e sapevo che il mio momento sarebbe arrivato. Ho preso la maglia numero 1 e non la lascerò mai”.


Alisson esulta dopo la vittoria in Champions sullo Shakhtarr. Getty Images

Alisson esulta dopo la vittoria in Champions sullo Shakhtarr. Getty Images

crescita — La speranza della Roma è che tenga a lungo quella giallorossa, di certo le parole che rilascia, anche se alla tv di casa, non sembrano quelle di un giocatore sul piede di partenza: “Penso che la Roma sia cresciuta in questi ultimi cinque anni nell’atteggiamento della squadra e nel dimostrare la voglia di vincere. Non conoscevo tanto Di Francesco, ma ho un gran rapporto con lui, mi trovo bene. È un bravo allenatore. Ha cambiato il nostro atteggiamento, rendendolo più cattivo e aggressivo ma senza dimenticare di giocare. Non dobbiamo mollare”.

Ünder ok — Alisson tornerà a Trigoria a metà della prossima settimana e come lui gli altri nazionali, tra cui Ünder. Gli esami a cui è stato sottoposto il turco anche stamattina hanno confermato che la distorsione al ginocchio sinistro era di lieve entità ed è stata superata, per cui resterà con la Turchia e potrebbe giocare anche martedì contro il Montenegro.

 Chiara Zucchelli 

© riproduzione riservata