Roma, Di Francesco protesta con l’arbitro: «Il Barcellona non ha bisogno di aiuti»

Champions League
Roma, Di Francesco protesta con l'arbitro: «Il Barcellona non ha bisogno di aiuti»
© Getty Images

L’allenatore giallorosso sottolinea gli aspetti positivi: «Grande gara sotto il profilo della voglia, della personalità e della fame»

ROMA – Dopo il 4-1 bugiardo al Camp Nou contro il Barcellona, Eusebio Di Francesco non evita le polemiche nei confronti dell’arbitro Makkelie, autore di diversi errori. «Il rigore non fischiato a Dzeko? Già sono bravi di loro e non hanno bisogno di aiuti – ha dichirato l’allenatore giallorosso -. Questa sera sono stati aiutati sia dall’arbitro che da noi. Abbiamo fatto una grande gara sotto il profilo della voglia, della personalità e della fame. Non posso dire niente ai ragazzi, eravamo sotto 3-0 e neanche me n’ero accorto. Dobbiamo però migliorare alcuni aspetti, abbiamo sbagliato tanto, abbiamo commesso delle ingenuità ma siamo anche stati sfortunati. Questo risultato è troppo penalizzante. Peccato, ma abbiamo onorato al meglio la gara.

Barcellona-Roma 4-1: due autogol, Piqué e Suarez condannano i giallorossi. Dzeko non basta

RIMPIANTI – In casa giallorossa non mancano i rimpianti: «Dovevamo essere più lucidi in alcune circostanze e più cinici sotto porta perché poi il Barcellona non ti perdona. Non abbiamo concesso il loro palleggio continuo e paradossalmente abbiamo preso gol in situazioni differenti, quello che mi dispiace è che potevamo concretizzare meglio. Quando crei così tanto contro il Barca bisogna fare gol. Tutti hanno interpretato al meglio la sfida, anche chi è entrato dopo, l’atteggiamento generale è stato positivo, abbiamo recuperato molti palloni ma abbiamo peccato nella qualità delle scelte. Poi volevo aggiungere una cosa, si parla sempre del nostro portiere che è moto bravo ma non si parla di ter Stegen che oggi ha parato tutto: è la dimostrazione che una grande squadra deve avere un grande portiere».